Home » Economia & Caste » La Grecia ha chiesto un fondo extra per coprire i 6.7 miliardi di euro che deve pagare questa estate
Grecia - Atene

La Grecia ha chiesto un fondo extra per coprire i 6.7 miliardi di euro che deve pagare questa estate

Molti di noi con grande probabilità andranno in vacanza in Grecia quest’anno. Ma quello che troverete in questa nazione sarà sì un paese molto volenteroso ad uscire dalla crisi, ma che comunque sarà schiacciato da una serie di debiti che i precedenti governi hanno accumulato.

La Grecia è quindi un paese in grande difficoltà con miliardi di euro da restituire ai creditori presenti in Europa. Se ciò non avverrà, la Grecia andrà in default e le sue casse si prosciugheranno in men che non si dica.

La Grecia continua con le proposte all’Europa. Questa volta, ha avanzato una proposta al Fondo Monetario Internazionale (IMF) attraverso un documento composto essenzialmente da tre pagine.

Atene vuole quindi che il Meccanismo Europeo per la Stabilità, meglio conosciuto come il Fondo per i Salvataggi, per far sì che i pagamenti che la Grecia deve alla Banca Centrale Europea vengano coperti in sicurezza.

Il piano di tre pagine proposto da Atene nella giornata di oggi, suggerisce che l’ESM compri quasi 7 miliardi di obbligazioni Greche, che si trovano nella Banca Centrale Europea, che matureranno intorno ai mesi di Luglio e Agosto.

Ecco qui i pagamenti che arriveranno in Luglio, espressi in milioni di euro:

3 luglio privato Intl Bond Coupon 4 milioni di euro

13 luglio IMF repayment 460 milioni di euro

14 luglio privato coupon+redemption 91 milioni di euro

17 luglio privato Intl bond coupon 16 milioni di euro

17 luglio private new GGB coupon 71 milioni di euro

19 luglio ECB GGB coupon 85 milioni di euro

20 luglio ECB GGB coupon 608 milioni di euro

20 luglio ECB GGB redemption 3491 milioni di euro

25 luglio private Intl bon coupon 24 milioni di euro

Questi sono quindi tutti i pagamenti che la Grecia deve, soltanto per quanto riguarda nel mese di luglio.

I pagamenti al Fondo Monetario Internazionale invece per quanto concerne il mese di Giugno, sono stati adesso raggruppati, e devono ovviamente essere pagati entro la fine del mese. C’è un conto salato che ammonta a 85 milioni di euro alla Banca Centrale Europea che scade il 19 giugno, seguito da conti ancora ben più salati, più tardi durante l’estate. Che sarà più calda che mai, in quanto ci sarà un pagamento da fare il 20 luglio di ben 4 miliardi di euro.

La Grecia sta già avendo moltissima difficoltà a fare pagamenti ben più piccoli di questo. Il governo è riuscito a passare il mese di Giugno senza andare in default, ma il giorno del 20 luglio sembrerebbe a dir poco insormontabile senza alcun tipo di aiuto esterno.

Fonte notizia : IlCorsivoQuotidiano

Loading...

Altre Storie

Legge 104, novità per familiari che assistono anziani e disabili

Sono in arrivo tante novità e benefici per chi vorrà avere accesso alla legge 104 …

2 comments

  1. Osserviamo la Grecia, con occhi distratti, come se la cosa non ci riguardasse. Almeno questa è la sensazione che ricevo dai TG oppure dai giornali. Invece l’Italia sarà la prossima. Il nostro debito pubblico continua a salire anziché mutare la tendenza. Monti-Letta-Renzi hanno salvato solo le banche ed assicurazioni. Per salvare la Spagna, col fondo salvastati, abbiamo dato soldi alla Spagna che restituirà con interessi del 3%, mentre l’Italia, per reperire questi soldi, ha dovuto impegnarsi con interessi al 7% presso il mercato internazionale. L’unico parlamentare europeo a sottolineare questa anomalia, a Bruxelles, è stato il britannico Farage. Non una parola dai politici italiani….

  2. la nazikiapponen damen e i suoi barbari accoliti devono alla Creatrice della civiltà ben più di quella cifra.Davanti ai fratelli greci dovrebbero stare in ginocchio e viso basso.Tenete duro fratelli,non piegatevi mai.Mai SEnza la Grecia l’unione europea si sgretola e altri uscirebbero.E la germania kaputt.Se la fa sotto al solo pensiero che la Grecia veramente abbandoni..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *