Home » Cronaca & Calamità » La Polizia diventa virtuale per controllare Internet

La Polizia diventa virtuale per controllare Internet

pedofilia-webIn questi giorni, si è tanto discusso delle leggi speciali per il web, dopo la pressione della Camera e del Senato. Da questa esigenza, se così vogliamo definirla, è la Polizia di Stato ha preannunciato una lotta virtuale ai malintenzionati che navigano sul web. In prima fila per la sicurezza in rete, c’è Antonio Apruzzese, comandante della Polizia Postale e delle Comunicazioni. In cosa consistera questa “polizia virtuale”? Lo spiega lo stesso comandante in un’intervista al Corriere della Sera:

Pensate alle volanti che girano per le strade. Ecco, funzionerà così. Nasceranno delle volanti anche per Internet, la polizia girerà sul web e monitorerà i social network pronta ad intervenire contro gli abusi, le diffamazioni, i falsi profili

Sarà attuata, dunque, una vera e propria task force delle quali, però, non si conoscono ancora le competenze specifiche. Sostanzialmente, detta in soldoni, si passa da leggi speciali a “controlli speciali”, in linea con il pensiero espresso da Grasso e Boldrini. Come agirà la Polizia Postale in tal senso? Il campo di azione è complesso: pertanto, il lavoro delle autorità deve necessariamente adattarsi alla complessità che si incastona tra i meandri della rete, attuando, così, un lavoro maggiormente proattivo.

Loading...

Altre Storie

Cane molecolare trova il cancro prima delle anilisi mediche

Diagnosticare un tumore solo annusando una persona. Il cane Liù è stato addestrato a scovare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *