Home » Cronaca & Calamità » La Polizia diventa virtuale per controllare Internet

La Polizia diventa virtuale per controllare Internet

pedofilia-webIn questi giorni, si è tanto discusso delle leggi speciali per il web, dopo la pressione della Camera e del Senato. Da questa esigenza, se così vogliamo definirla, è la Polizia di Stato ha preannunciato una lotta virtuale ai malintenzionati che navigano sul web. In prima fila per la sicurezza in rete, c’è Antonio Apruzzese, comandante della Polizia Postale e delle Comunicazioni. In cosa consistera questa “polizia virtuale”? Lo spiega lo stesso comandante in un’intervista al Corriere della Sera:

Pensate alle volanti che girano per le strade. Ecco, funzionerà così. Nasceranno delle volanti anche per Internet, la polizia girerà sul web e monitorerà i social network pronta ad intervenire contro gli abusi, le diffamazioni, i falsi profili

Sarà attuata, dunque, una vera e propria task force delle quali, però, non si conoscono ancora le competenze specifiche. Sostanzialmente, detta in soldoni, si passa da leggi speciali a “controlli speciali”, in linea con il pensiero espresso da Grasso e Boldrini. Come agirà la Polizia Postale in tal senso? Il campo di azione è complesso: pertanto, il lavoro delle autorità deve necessariamente adattarsi alla complessità che si incastona tra i meandri della rete, attuando, così, un lavoro maggiormente proattivo.

Loading...

Altre Storie

Eman Ahmed, morta la donna più grassa del mondo

Eman Ahmed, morta la donna più grassa del mondo: era ricoverata ad Abu Dhabi. La donna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *