Home » Economia & Caste » La saga dei Mastrapasqua: 25 poltrone lui, 20 la moglie

La saga dei Mastrapasqua: 25 poltrone lui, 20 la moglie

0000104-poltrone.epsLe recenti indagini che hanno colpito Antonio Mastrapasqua, numero uno dell’Inps, hanno sollevato finalmente il coperchio su una delle famiglie più potenti d’Italia, che in questi anni è sempre stata sulla cresta dell’onda, di qualunque colore fosse il governo in carica. Come riporta oggi il quotidiano ‘Leggo.it’, i coniugi Mastropasqua partecipano ai giochi della politica che conta dal 2004: lui, il marito, ricopre attualmente nove incarichi tra Inps, Equitalia e Autostrade, per un totale di 25 poltrone se si considera il passato e uno stipendio annuo di circa 2 milioni di euro.

La moglie, Maria Giovanna Basile, la troviamo invece venti collegi di sindaci: dalla Rai (Rai Way e Rai Cinema) alle controllate Aci (Global, Infomobility, Ventura, Vallelunga, Targasys) e alla municipalizzata romana Acea. Nella sanità, la signora è membro dei collegi di controllo in aziende fiorentine e romane, dalla Santa Chiara di Firenze, che opera nei servizi ospedalieri, alla Giomi Rsa, che opera nelle case di cura per lungodegenti.

Ma non è tutto, perché ci sono ancora aziende di impiantistica, ad esempio la Ecosuntek di Perugia, e dell’immobiliare, come la Salic e la Giomi real estate. E ancora la Giomi spa (Gestione istituti ortopedici nel Mezzogiorno d’Italia), e la Cappellani Giomi spa, entrambe di consulenza e pianificazione aziendale. Infine la poltrona nella Finemi spa, una merchant bank.

In passato l’Idv aveva tentato di portare in Parlamento i conflitti d’interesse dei Mastropasqua, ma nessun partito di destra o di sinistra è mai stato intenzionato a fare pulizia.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata: Otto lotti ritirati

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di otto lotti di acqua minerale prodotta da Fonte Cutolo …

3 comments

  1. quanti incarichi, cambio di luogo, societa’ e incarichi ogni mezzora per lui,e mi chiedo con quali risultati.per la consorte invece il cambio dovrebbe avvenire ogni 24 minuti…. basta con queste cosi impossibili e incivili!!!!!

  2. fino a qualche anno fa la finanza correva dietro a quei lavoratori che per un motivo o per l’altro facevano il doppio lavoro. se di giorno ero in fabbrica a fare il primo turno mi restava tutto il pomeriggio per fare piccoli lavori, tipo idraulico o muratore, imbianchino ecc.ecc. nel caso fossi stato scoperto in queste situazioni le conseguenze per me sarebbero state molto gravi.accusato di evasione,di lavorare in nero sottraendo il lavoro ad altre persone, insomma a questo qua che gli dobbiamo fare?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *