Home » Politica & Feudalesimo » Le donne usate come forni. Schiave e fattrici, dice la Lorenzin

Le donne usate come forni. Schiave e fattrici, dice la Lorenzin

Non confondiamo le unioni civili con la stepchild adoption. “Il corpo della donna come un forno in cui qualcuno ordina una torta cucinata da qualcun altro per poi portarla via“.

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin si è scagliatacontro l’utero in affitto ed ha sollevato dubbi sul ddl Cirinnà, spendendo parole forti in relazione alla pratica di far nascere bambini nel corpo di donatori che dovranno portare avanti la gravidanza in vece dei “genitori legali”. Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, in un’intervista al L’articolo Utero in affitto? L’incubo peggiore per una donna è vedersi strappare il figlio appena partorito. “Elton John è un grande artista, se viene a Sanremo si limiti a cantare e non faccia il gurudell’utero in affitto“.

“E’ il mercato che si impossessa della vita delle persone, è la forza del più ricco esercitata in danno del più povero, è lafrantumazione di ogni etica ─ dichiara la Lorenzin nella lettera-appello alle parlamentari sulle unioni civili ─Siamo nell’ultraprostituzione, e senza ipocrisia va denunciato ogni tentativo di regolamentazione che, in un regime di negoziazione del prezzo della gestazione e della vita stessa della mamma e del bambino, sarebbe illusoria“.

Non c’entrano niente scelte personali, che non sono in discussione, come giustamente hanno ricordato femministe da tanti paesi diversi che si sono trovate ieri ( 2 febbraio, ndr) a Parigi proprio per chiedere che questa pratica diventi reato universale, che sia perseguita ovunque. Cio’ che potrebbe essere fatto, in un dibattito piu’ approfondito in parlamento, e’ “capire, a partire da l’ascolto di diversi soggetti – il tribunale dei minori, le associazioni che si occupano di affidamenti – se l’istituto attuale, quello dell’adozione speciale e della continuita’ affettiva, basta a coprire le tutele che si rendono necessarie per questi bambini”.

Tutto questo non ha nulla a che fare con il riconoscimento, giusto per me, delle unioni civili e del rispetto per le coppie omosessuali. “C’è una lacerazione – ha proseguito il ministro – tra noi donne dell’Occidente, colte, istruite, ricche che rivendichiamo i nostri diritti e le altre donne ridotte in schiavitù, senza diritti civili e politici

Loading...

Altre Storie

Gentiloni si piega agli scafisti Nessun blocco navale in Libia

Il blocco navale è «escluso». Sarebbe, spiega Roberta Pinotti, «un atto ostile» nei confronti di …

One comment

  1. Troppo spesso i nostri politici usano termini inglesi senza saperne il significato oppure stravolgendone la corretta traduzione, per loro uso.
    La “stepchild adoption”, nel mondo anglosassone, riguarda esclusivamente l’adozione di un figlio avuto da un genitore da una precedente unione. Questa unione, si può essere dissolta per innumerevoli motivi: divorzio, decesso di un genitore etc. La stepchild adoption non ha a che fare con utero in affitto, fecondazione artificiale, eterologa etc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *