Home » Politica & Feudalesimo » Le Iene e il privilegio dell’ex sindaco De Luca [VIDEO]

Le Iene e il privilegio dell’ex sindaco De Luca [VIDEO]

Le Iene: “Il vigile e il privilegio del sindaco”. Vincenzo De Luca, decaduto sindaco di Salerno e candidato alle primarie del PD alla regione Campania, è stato il protagonista di un servizio de Le Iene, nella puntata del 19 febbraio 2015. La iena Calabresi, ha mostrato delle immagini che riprendono la macchina (un auto blu) che accompagna l’ex sindaco che transita in un divieto d’accesso in modo da raggiungere l’abitazione accorciando i tempi di percorrenza, rispetto al regolare itinerario.

Raggiunto in un appuntamento elettorale a Montoro, De Luca si difende affermando di aver aggiunto al divieto un’eccezione, che consente ai mezzi di polizia (e quella che lo accompagna a casa lo sarebbe) di andare contromano. A molti residenti, che percorrono il senso di marcia correttamente, è capitato di incrociare la macchina del sindaco che lampeggiando chiede di passare per prima, costringendo i comuni cittadini a tornare indietro.

Incalzato dalle domande di Calabresi, De Luca non si scompone, mentre perdono le staffe alcuni esponenti del PD locale presenti in sala a Montoro: alcuni di loro lo spingono verso l’uscita, uno addirittura brandedo un ombrello e cercando di colpire l’inviato di Italia 1.

“Non potrebbe fare il giro del palazzo come tutte le persone normali? – ha chiesto la Iena – “Come Sindaco l’hanno mandato a casa, quando andrà alla Regione farà anche le autostrade contromano?”.

Clicca qui per guardare il servizio integrale de Le Iene

[jwplayer player=”1″ mediaid=”16709″]
Loading...

Altre Storie

Con l’auto sulla folla: «Volevo ammazzarne tanti»

«Volevo ammazzarne di più», dichiara stralunato al pm Stefano Latorre che va a interrogarlo nel …

One comment

  1. dato che il permesso era per le forze dell’ordine,avrebbe dovuto scendere dalla auto.,attraversare a piedi il tratto in divieto e risalire dall’altra parte dove l’attendeva il polizziotto.Questo perchè ha voluto fare il furbo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *