Home » Economia & Caste » Legalizzare la vendita di reni: lo chiede un premio Nobel

Legalizzare la vendita di reni: lo chiede un premio Nobel

reni“Autorizzare la vendita dei reni”. È la proposta choc apparsa ieri su un articolo del Wall Street Journal e firmata dall’economista premio Nobel Gary Becker e del suo collega argentino Julio Elias. L’idea è quella di mettere su un vero e proprio mercato dei reni, il cui scopo sarebbe quello di ridurre le liste d’attesa per i trapianti. Attualmente, la vendita dei reni è vietata in quasi tutti i Paesi del Mondo e il traffico illegale di organi è una grave piaga in diverse parti del globo.

Nell’editoriale, si analizza la situazione americana, dopo le liste d’attesa sono di circa 4,5 anni per r un rene e le campagna di sensibilizzazione per le donazioni non hanno portato grandi risultati:

“Nessuno dei metodi in uso oggi è in grado di eliminare la carenza di reni – si legge – mentre invece pagare i donatori per i loro organi ci riuscirebbe. In particolare, con un prezzo sufficiente per i reni il numero di organi disponibili crescerebbe molto senza incidere molto sul costo del trapianto”.

Secondo alcuni calcoli, un rene dovrebbe costare in media 11 mila euro.

 “Il sistema che stiamo proponendo – scrivono i due economisti – include il pagamento agli individui che acconsentono al prelievo degli organi dopo la morte. La presunta immoralità di un mercato degli organi andrebbe confrontata con la possibilità di evitare ogni anno centinaia di migliaia di morti di pazienti in lista d’attesa”.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Pepe a rischio salmonella: ritirato un lotto a rischio

Pepe nero con tracce di salmonella spp, il batterio responsabile della diffusione della salmonellosi: è questo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *