Home » Politica & Feudalesimo » Letta senza vergogna: dichiara di essere nullatenente
Enrico Letta

Letta senza vergogna: dichiara di essere nullatenente

Enrico LettaPovero Enrico Letta. Chissà che a qualcuno, dopo la dichiarazione dei redditi presentata, non venga l’idea di promuovere una raccolta fondi. Sì, perché il presidente del consiglio, già ministro, in politica praticamente da quando era sulla sulla, è ufficialmente un nullatenente. Ovvero: ha un reddito, ma – come riporta anche Il Messaggero – il suo patrimonio è pari a zero.

Nel 2012, quando era “soltanto” parlamentare, il nipote di Gianni Letta dichiara di avere guadagnato 124mila euro. Nonostante questo reddito faraonico, nonostante sieda su poltrone ricche e prestigiose da ormai un ventennio, il premier – ufficialmente – non ha né automobili, né moto, né barche. Non ha nemmeno immobili, azioni, obbligazioni e altri investimenti. Un francescano.

Forse che Enrico Letta viva in una capanna o in una grotta? Mistero. Eppure, a vederlo, non sembra abbia condotto una vita così stentata.

Sono i misteri della politica italica. Il popolo se la prende con parlamentari, ministri, assessori, sindaci e consiglieri perché guadagnano troppo e accumulano troppe ricchezze. I politici, dal canto loro, si dichiarano nullatenenti. Una situazione pirandelliana o, se preferite, semplicemente italiana.

Sta di fatto che, in caso di patrimoniale, sarebbero cavoli amari per i normali cittadini che dichiarano anche 1 euro in banca. Il nullatenente Letta, invece, non pagherebbe un centesimo. Poverino.

La foto è di Getty Images, tutti i diritti sono riservati.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata: Otto lotti ritirati

Il Ministero della salute ha pubblicato il richiamo di otto lotti di acqua minerale prodotta da Fonte Cutolo …

One comment

  1. Toccando sul collegamento di questo messaggio è possibile leggere per quale… magia d’amore il tenero Enrico sia potuto passare per, come dice quest’articolo, un “francescano”. No, questa volta è stato un altro amore, invece di quello verso Dio del poverello di Assisi. Buona lettura.
    Attivista a 5 Stelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *