LG Urbane 2 ritirato dai negozi dopo una settimana dal lancio

LG Urbane 2nd Edition LTE, è stato ritirato dalla LG a causa di “un problema hardware che influisce sulla funzionalità giorno per giorno del dispositivo “

La settimana scorsa l’orologio LG Urbane 2, il primo smartwatch Android Wear, era pronto per essere lanciato nel mercato degli Stati Uniti, ma ora sembra già che tutto l’entusiasmo intorno al nuovo modello sia scemato, poiché a causa di una serie di problemi poco o nulla specificati, il prodotto è stato ritirato dalle vendite. La società si è limitata a spiegare ai media che deve prima rivedere l’orologio e  soltanto in un secondo momento potrà autorizzarne nuovamente la vendita: “Se il dispositivo sarà disponibile in futuro sarà deciso in un secondo momento“, spiega con una nota L’Android Police.
LG Urbane 2


Per il momento non si ha alcuna idea precisa di quale possa essere la nuova data in cui l’orologio potrà ritornare in vendita. In realtà, il gruppo AT & T sta già offrendo rimborsi ai clienti, che hanno già acquistato il modello, mentre altre catene di negozi come Verizon è stato riferito che non ha nemmeno spedito l’orologio a coloro che hanno effettuato i pre-ordini.

Lg Urban 2 ha un’accesso remoto al cellulare cui è collegato

Si tratta di una grande sconfitta sia per LG che per Google, quest’ultimo ha recentemente aggiunto l’accesso ai dati al cellulare tramite la funzione LTE per il suo sistema operativo Android Wear. Ciò significa che smartwatch futuri saranno in grado di sfruttare la funzione davvero comoda, che – almeno sulla carta, visti i problemi di hardware – permetterà agli utenti di lasciare il telefono a casa, e di utilizzare l’orologio al polso per effettuare tutte le funzioni necessarie, proprio come se avessero tra le mani il proprio cellulare. La LG ha un altro smartwatch in grado di eseguire la funzione LTE, ma la prima generazione Urbane Watch utilizzava una piattaforma propria della società, non l’Android Wear. Con questa seconda edizione del’orologio LG Urbane 2, la LG è e ritornata a stringere rapporto più stretti con Android, ma resta da vedere quale sarà la prossima mossa per rilanciare lo smartwatch, dopo questa prima bruttissima batosta.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *