Home » Cronaca & Calamità » “L’islam è satanico”, afferma un prete di Belfast ora processato
satanico

“L’islam è satanico”, afferma un prete di Belfast ora processato

Prete cristiano di Belfast definisce l’Islam come satanico, ora affronterà un processo

Un prete cristiano di Belfast, che ha denunciato l’Islam come “satanico”, ha detto che è pronto ad andare in prigione per difendere la libertà di parola.

Il suo nome è James McConnell, e non vuole affatto cedere di un passo dal suo pensiero. Questa mattina ha detto ai giornalisti fuori dalla corte di giustizia di Belfast: “o mi mettono in prigione o sono libero di predicare il Vangelo”.

Il prete di 78 anni, fondatore di una chiesa cristiana indipendente sulle rive del Belfast Lough, ha accusato il pubblico ministero di non essere in grado di gestire il caso, che mina il principio della libertà di parola contro presunte osservazioni di odio.

McConnell è stato perseguito ai sensi della legge di comunicazione del 2003, dopo un discorso che è stato trasmesso in diretta dalla Whitewell Metropolitan Tabernacle, a Belfast. In esso James McConnell ha descritto l’Islam come “satanico” e “pagano”.

Una grande folla di sostenitori cristiani ha applaudito e acclamato il predicatore mentre entrava al Belfast Magistrates Court. Alcuni cartelli erano stati sollevati al suo arrivo, su di essi le frasi: ‘Sosteniamo il Pastore McConnell’ e ‘la malvagia legge della Sharia non è la benvenuta nel nostro paese’.

In un messaggio provocatorio, McConnell ha detto ai suoi sostenitori: “Io rimango fermo sul Vangelo. Non cederò di un pollice”.

Ha poi aggiunto: “Questo è importante, non solo per me, è importante per ogni ministro del Vangelo, di ogni definizione di libertà di parola e di la libertà di culto. Questo è, credo, un banco di prova”.

Gli avvocati del prete hanno detto al giudice distrettuale, che sono stati sommersi da decine di potenziali testimoni che vogliono testimoniare a favore del pastore. Inoltre sostengono che il processo non debba essere tenuto nella corte di giustizia a causa di un abuso nella procedura.

Al giudice era stato detto che il caso poteva durare fino a cinque giorni ed egli ha poi concesso un aggiornamento di quattro settimane di riesaminare il caso. E così la causa è stata rinviata al primo ottobre.

Loading...

Altre Storie

Aviaria, Hong Kong vieta l’import di pollo e uova da Padova

L’autorità sulla sicurezza alimentare di Hong Kong ha preannunciato nella giornata di ieri il blocco delle …

2 comments

  1. Povero prete! L’esito del processo dipenderà principalmente se la maggioranza giudice etc. sarà cattolica o protestante (anglicana). Checchè ne dicano sulla guerra finita, è ancora molto forte la separazione religiosa in Nord Irlanda!

  2. la frase io rimango fermo l’ho già sentita daa religiosi e generali…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *