M5S: Marta Grande come Giannino, le due lauree inesistenti?

2

grande marteDopo Ocar Giannino (Fermare il Declino) e Guido Crosetto (Fratelli d’Italia), è la volta del Movimento 5 Stelle. La notizia bomba arriva come un fulmine a ciel sereno e riguarda Marta Grande (foto), neo parlamentare di appena 25 anni, già famosa per le numerose interviste rilasciate a tv, radio e giornali. Molti la dipingevano come una sorta di piccolo genio, la “nuova Irene Pivetti”. Ma la realtà potrebbe essere ben diversa. A raccontare la vicenda è Il Giornale, il quale che scrive che quelle conseguite dalla neo deputata non sono in verità delle lauree, ma titoli di livello inferiore.

“Il lettore medio rischiava di perdersi nel suo curriculum intimidente e sfavillante di titoli e master con rimbalzi ad alta concentrazione di cultura fra Roma, Pechino e gli Stati Uniti. Invece, la bussola, in tutto quel girare e rigirare, l’ha persa lei. L’altra sera, al momento della certificazione in Parlamento degli studi effettuati, la superdottoressa è costretta a riconoscere che, stringi stringi, lei non ha in tasca un titolo che in Italia possa essere considerato come una laurea. No, una laurea in tutto quel diluvio di sapienza non c’è. Sarà un problema di compatibilità fra i pezzi di carta recuperati a Pechino e Huntsville e la legislazione italiana, sarà questione di tempo perché la signorina è in zona tesi anche nel nostro Paese, sarà quel che sarà, però la parlamentare si deve dare una bella ridimensionata. E la sua corsa verso lo scranno più alto di Montecitorio sfuma con una brutta figura. Anzi, una figuraccia”.

In alcuni siti web compariva che La Grande è laureata in Lingue e in Relazioni internazionali. Ma Il Giornale smentisce che quelli siano da considerarsi diplomi di laurea a tutti gli effetti.

“Tutte queste medaglie appuntate sul petto non bastano per potersi fregiare di quel titolo di studio chiamato laurea. Uno scivolone, anzi un doppio ruzzolone, che le costerà caro”.

La vicenda, naturalmente, merita di essere approfondita. Le menzogne di Giannino erano spudorate, in questo caso il problema potrebbe essere solo di equipollenza tra titoli italiani e stranieri. Di sicuro ne sapremo di più nelle prossime ore. Ma sul web le prime reazioni sono di grande indignazione, anche se molti giurano sulla buona fede della cittadina a 5 Stelle.