Home » Primo piano » Madonna in concerto a Torino: Pala Alpitour blindatissimo per il 21 e il 22
madonna

Madonna in concerto a Torino: Pala Alpitour blindatissimo per il 21 e il 22

Madonna prosegue il suo tour, “Rebel Heart Tour” va di scena per altre due emozionanti serate a Torino, in un Pala Alpitour blindatissimo per prevenire ogni minaccia terroristica.
La cinquantasettenne cantate di Like a Prayer ha infatti deciso di reagire ai drammatici eventi di Parigi e alla minaccia terroristica, senza annullare nessuna delle sue date.

Una presa di posizione forte e decisa, a cui il pubblico torinese – l’unico pubblico italiano che potrà vedere dal vivo Madonna, che non ha fissato altre date nello stivale – ha risposto con calore ed entusiasmo. Il Pala Alpitour sarà gremito in ogni sue ordine di posto, con la presenza prevista di circa 13000 persone.

Come capita per eventi di questo tipo, tutti i biglietti sono andati esauriti già nella scorsa primavera quando è iniziata la vendita online. In realtà qualcosa è sempre reperibile nei siti di settore, ufficialmente grazie a gente che ha rinunciato all’ultimo a seguire il concerto. I prezzi sono ovviamente maggiorati e vanno dai 200 euro ai 1000 euro per i posti migliori.

In occasione del primo dei tre concerti di Madonna al Pala Alpitour, svoltosi giorno 19 novembre, gli spettatori hanno atteso due ore prima di veder comparire sul palco la regina del pop. Un’attesa necessaria per garantire la sicurezza di chi ha affollato il palazzetto, a rischio terroristico, in questo momento, come qualsiasi luogo destinato ad accogliere un folto pubblico.

Le stesse misure di sicurezza – che potrebbero determinare nuove attese per il pubblico – verranno messe in atto oggi e domani. Già diversi metri prima dell’ingresso del palazzetto sarà allestita una prima area di controllo. Gli organizzatori hanno quindi suggerito agli spettatori, anche quelli forniti di biglietto numerato, di recarsi al concerto con qualche ora in anticipo e senza bagagli particolarmente ingombranti, al fine di evitare il protrarsi di lunghe perquisizioni.
madonna
Il soggiorno torinese di Madonna sembra sia trascorso serenamente, anche se non filtrano particolari indiscrezioni. Miss Ciccone ha richiesto di avere a disposizione due interi piani dell’albergo che la ospitava. La cantante è partita insieme ai suoi figli e ha voluto visitare il museo egiziano, dove a seguito di un egittologo che le ha fatto da guida ha ammirato i reperti del posto.

Madonna è stata la prima delle grandi star del pop a dedicare un proprio concerto alle vittime di Parigi. La regina del pop si è infatti esibita a Stoccolma il giorno dopo la strage del Bataclan, e ha chiaramente espresso il suo desiderio a non annullare il suo tour.

In quell’occasione, in un clima che lasciava percepire la grandezza dell’evento, la cantante ha dedicato due brani alle vittime del terrorismo: la Vie En Rose, di Edith Piaf e la sua Like a Prayer. Il discorso introduttivo ha destato la commozione dei presenti:
“Sebbene io mi senta a disagio a ballare e cantare su questo palco, sono qua per dire che nessuno deve impedirci di fare ciò che più amiamo.”

Un messaggio che Madonna intende portare fino in fondo.
Torino è pronta a seguirla, e il sindaco Piero Fassino ha assicurato che le forze dell’ordine garantiranno tre spettacoli sicuri per tutti i suoi ammiratori.

Loading...

Altre Storie

Allarta cozze con salmonella, i prodotti ritirati e contaminati

Il Comune di Ancona ha emesso il divieto di commerciare le cozze provenienti da uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *