Maduro si preoccupa dell’Assemblea nazionale, il Venezuela intanto è in grave crisi di cibo

0

Il presidente Nicolàs Maduro ha chiesto la rinascita della rivoluzione bolivariana nel pieno “spirito del 13 aprile“, la data in cui il suo predecessore Hugo Chavez è stato restaurato al potere dopo il breve colpo di stato.
I commenti di Maduro sono venuti fuori durante il suo show televisivo settimanale a seguito di un incontro con la coalizione dei partiti di sinistra che sostiene il suo governo. Quella coalizione che ha visto nelle elezioni parlamentari di Domenica vincere 55 seggi dell’Assemblea nazionale lasciandone però 112 all’opposizione, facendo registrare la sua prima perdita elettorale parlamentare in 17 anni.
Maduro ha anche annunciato la creazione di una nuova legge per proteggere la stabilità dei lavoratori per i prossimi tre anni. Il suo annuncio segue le minacce da parte di alcuni leader dell’opposizione per sbarazzarsi del diritto del lavoro altamente avanzato del Paese. Tuttavia, con un maggioranza dei 112 seggi, l’opposizione è in grado di far approvare o abrogare qualsiasi legge, compresi quelli create negli ultimi mesi per Maduro o la corrente Assemblea nazionale.
maduro-venezuela
L’opposizione del Venezuela ha esortato il presidente Nicolàs Maduro di smettere di fare delle scuse per la sconfitta dei suoi candidati alle elezioni legislative e di impegnarsi ad affrontare urgentemente il problema della scarsità di cibo tra la popolazione
La peggiore crisi economica della storia recente del Paese dell’OPEC fa registrare la mancanza di farina, latte, carne, fagioli. Carenze sono particolarmente gravi per i poveri che attendono i camion del governo carichi di beni di prima necessità.
Chiediamo al governo di smettere di piangere e iniziare a lavorare“, ha detto il leader della coalizione Unità Democratica Jesus Torrealba in una conferenza stampa sotto un cartello con la scritta ‘Grazie Venezuela, abbiamo vinto!’.
Maduro ha intensificato le importazioni durante la fase di preparazione alle elezioni, ma le spedizioni globali sono diminuite anche a causa di una recessione e per i bassi prezzi del petrolio.
Siamo a poche settimane di distanza da un problema molto serio in termini di cibo“, ha detto Jesus Torrealba, si teme infatti che alla fine dell’anno la condizione economica del paese possa anche peggiorare.
Nuovi legislatori hanno adesso in programma di avviare indagini sulla corruzione e sulla pressione sul governo nella pubblicazione di dati economici come l’inflazione, che non sono state divulgate durante l’anno.
Alla conferenza stampa in un hotel di Caracas, Torrealba e altri leader dei partiti della coalizione dell’opposizione hanno anche chiesto il rilascio degli attivisti incarcerati, tra cui il leader dell’opposizione Leopoldo Lopez.
Un alto rappresentante del governo che ha chiesto di non essere nominato ha riconosciuto che il risultato delle elezioni è stato un chiaro segnale per Maduro, aggiungendo che ci dovrà essere una profonda discussione per il cambiamento all’interno del governo o ci si troverà di fronte a guai molto seri.
A dire il vero, Maduro ha detto che il Partito Socialista terrà un “congresso straordinario” e le commissioni stabiliranno per “valutare la situazione e far emergere proposte concrete“.
Eppure lui ei suoi alti funzionari continuano a dare la colpa ad una “guerra economica” per i venezuelani confusione, descrivere l’opposizione come una forza “contro-rivoluzionaria“.
Nicolàs Maduro dice che l’opposizione è un’altezzosa elite sostenuta dagli Stati Uniti, la televisione di stato, che in gran parte blocca i raduni dell’opposizione e le conferenze stampa.
Questo governo non capisce che ha perso, né l’importanza di ciò che è in gioco“, ha detto l’attivista dell’opposizione Maria Corina Machado.

Loading...
SHARE