Home » Primo piano » Mal di schiena? Tutta colpa delle scimmie

Mal di schiena? Tutta colpa delle scimmie

Se avete spesso mal di schiena sappiate che potrebbe derivare da una questione genetica: la colonna vertebrale di alcune persone, infatti, è meno adatta alla posizione eretta perché simile a quella delle scimmie. È quanto emerge da uno studio realizzato dall’università scozzese di Aberdeen: il mal di schiena potrebbe dunque essere un’eredità lasciataci dai nostri antenati prima dell’evoluzione della specie. La colonna vertebrale di alcuni essere umani, dunque, sarebbe meno adatta alla posizione eretta e genererebbe maggiori sofferenze perché molto simili a quelle di alcuni esemplari di scimpanzé.

Una caratteristica riscontrata principalmente in coloro i quali soffrono di patologie come di ernia del disco. Per arrivare a questa conclusione, i ricercatori hanno confrontato ben 141 vertebre umane, 56 vertebre di scimpanzé e 27 vertebre di esemplari di orangotango. A parte le importanti differenze, dall’osservazione gli studiosi hanno individuato protuberanze chiamati nodi di Schmorl (quelli che evidenzino l’ernia del disco) anche in 54 vertebre umane, che erano più vicine nella forma a quelle degli scimpanzé piuttosto che a quelle umane senza protuberanze.

Commentando l’esito della ricerca, il ricercatore della Aberdeen University, Mark Collard, ha spiegato:

Le nostre vertebre sono cambiate mano a mano che ci siamo evoluti, utilizzando per muoverci due gambe piuttosto che quattro. Tuttavia l’evoluzione non è perfetta e alcune caratteristiche vertebrali, come quelle che abbiamo identificato simili agli scimpanzé, potrebbero essere rimaste. Il risultato – conclude – è che alcune persone hanno vertebre che sono meno in grado di sopportare la pressione di camminare su due piedi.

Loading...

Altre Storie

Cane molecolare trova il cancro prima delle anilisi mediche

Diagnosticare un tumore solo annusando una persona. Il cane Liù è stato addestrato a scovare …

One comment

  1. magari loro non lo hanno mai avuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *