Home » Varie & Avariate » Mangiano salsicce crude di cinghiale: 26 casi di trichinellosi in Toscana

Mangiano salsicce crude di cinghiale: 26 casi di trichinellosi in Toscana

Ventisei casi di trichinellosi riscontrati nelle ultime settimane in provincia di Lucca, patologia rara ma presente in Italia: in Toscana da circa 20 anni non erano stati segnalati pazienti colpiti. Lo ha reso noto la Asl di Lucca spiegando che il focolaio epidemico è stato circoscritto rapidamente e che ha riguardato cacciatori e loro familiari, residenti nella zona della Valle del Serchio, colpiti dopo aver mangiato salsicce crude di cinghiale (regolarmente cacciato).

In questo momento però pare stiano tutti meglio «grazie alle cure immediate a cui sono stati sottoposti». Gli accertamenti dell’Asl erano scattati dopo la segnalazione di disturbi quale febbre, dolori muscolari, manifestazioni cutanee. Gli esami hanno poi accertato che si trattava appunto di trichinellosi, o trichinosi, «malattia causata da un parassita, la Trichinella, che è un verme che può contaminare con le sue larve le carni di diversi animali. L’uomo – spiega appunto l’Asl – contrae l’infezione attraverso il consumo di carni animali contagiate e non cotte.

La Trichinella è una patologia rara ma presente in tutto il mondo e anche in Italia. Gli ultimi casi in Italia risalgono al 2011 in Sardegna. «La macchina che si è messa in moto dopo la comparsa dei primi casi, subito riconosciuti dall’unità operativa di malattie infettive di Lucca – prosegue l’Asl -, ha permesso di circoscrivere il fenomeno e di effettuare tutte le necessarie operazioni legate alla prevenzione, grazie all’impegno degli operatori della veterinaria e dell’igiene degli alimenti. È bene ricordare – conclude l’Asl – che è possibile evitare questa malattia tramite la cottura delle carni o con il congelamento a – 15 per 20 giorni o a – 30 per 6 giorni. In questa maniera vengono distrutte le larve e si impedisce l’insorgere della malattia».

Fonte: Corriere.it

Loading...

Altre Storie

“Ho preso una sigaretta da un alieno”: Cannabis shock, bambino ricoverato grave intossicazione

E’ accaduto a Milano, dove un bambino di 7 anni è risultato intossicato dalla cannabis. La notizia …

One comment

  1. Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    Belin ! sono VERMI..! Ma anche in allevamenti di maiali possono essere presenti in quanto diversi allevatori di suini disonesti NON chiamano i veterinari..per RISPARMIARE ! Così sapendo di infezioni varie imbottiscono gli stessi animali di antibiotici..che poi finiscono sulle nostre tavole ! A chi dare la caccia ? I vermi e altre malattie medicinali , antibiotici possono essere presenti nella carne più di quanto si da notizia.
    Morando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *