Home » Primo piano » Marijuana: ecco che effetti ha sul cervello umano

Marijuana: ecco che effetti ha sul cervello umano

marijuana-weed-1200-drugsFumare marijuana in giovane età può avere conseguenze importanti sul cervello a lungo termine. L’allarme è lanciato dai ricercatori della University of Texas, la cui ricerca è stata pubblicata ieri sul ‘Washington Post’. Negli States in questi giorni si sta discutendo molto sulla legalizzazione della cannabis per uso ricreativo e terapeutico e lo studio cade proprio a fagiolo.

Secondo gli studiosi della University of Texas, ci sono differenze cerebrali tra i fumatori abituali di marijuana e le altre persone: all’indagine sono stati sottoposti in tutto 48 individui che fanno uso di cannabis almeno quattro volte alla settimana e hanno iniziato a fumare tra i 14 e i 30 anni. Ebbene, costoro hanno meno materia grigia nella zona della corteccia orbito-frontale – recita l’Ansa – rispetto a 62 soggetti che non ne fanno uso.

Ecco la spiegazione data dalla dottoressa Francesca Filbey:

Prima si inizia a fare uso di marijuana, più pronunciate sono le differenze. L’adolescenza è il momento in cui il cervello inizia a maturare – precisa – qualunque esposizione a sostanze tossiche può avere conseguenze decisive.

Secondo la dottoressa Susan Weiss, direttrice per gli Affari Scientifici del National Institute on Drug Abuse, la ricerca fornisce importanti dati sui pericoli causati dall’uso abituale della marijuana:

E’ una ricerca complessa e interessante che mostra come l’utilizzo frequente di marijuana, soprattutto in giovane età, ha significative conseguenze negative sul cervello.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”15327″]
Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *