Home » Primo piano » Marmolada: stroncato da un fulmine sulla ferrata

Marmolada: stroncato da un fulmine sulla ferrata

Dopo giorni di caldo afoso, il maltempo sferza il Nord Italia e causa quattro morti. Un nubifragio si è abbattuto in Friuli sul raduno europeo delle Famiglie Arcobaleno: un albero è caduto su una tenda e ha provocato una vittima, si tratta di un cittadino belga di 41 anni.
Hanno perso la vita anche un uomo colpito da un fulmine sulla Marmolada,una ragazza romana scivolata sul sentiero bagnato dell’Adamello in Lombardia e un anziano colpito da albero nel Bellunese.

A seguito dei temporali e delle forti piogge il Soccorso Alpino è stato impegnato su numerosi fronti, lungo l’arco alpino e dolomitico. Gli interventi al momento (dalla mattinata di sabato) sono oltre 30, con 51 persone soccorse.

In Friuli Venezia Giulia un temporale di forte intensità si è abbattuto sulla zona di Malga Chiampis, dove è in corso il raduno delle Famiglie Arcobaleno. Un albero è caduto su una tenda provocando la morte di un belga di 41 anni: le squadre di soccorso sono ancora alla ricerca di una persona dispersa da ieri sera sopra Passo Tanamea, dopo una interruzione dovuta a temporale di pioggia mista a grandine e vento forte.

In Trentino un uomo ha perso la vita a Pian Dei Fiacconi, sulla Marmolada. L’alpinista romagnolo di 47 anni Carlo Rocchi di Cervia è stato ucciso da un fulmine nei pressi della vetta di Punta Penia a quota 3.000 metri. Ferita la moglie che era con lui: salvata dal Suem è stata ricoverata all’ospedale di Cavalese. La coppia era impegnata nella salita della via ferrata che porta alla cima quando un fulmine li ha centrati. Un’altra comitiva di 11 alpinisti è rimasta bloccata a causa dei furiosi temporali che hanno investito la zona sui monti Lagorai in val di Fiemme nei pressi di Forcella Fravont.

Sono stati soccorsi dalle squadre di pronto intervento. Sempre a causa del maltempo in Trentino si sono verificati pesanti danni e disagi. Tra questi anche il blocco di un convoglio ferroviario della Trento – Malè, lo scoperchiamento di alcune case a Canale di Pergine e, a Rovereto, la caduta di alcuni alberi su alcune autovetture parcheggiate. In Val Pusteria (vedi larti- colo qui sotto) è intervenuto anche l’Esercito per liberare la linea ferroviaria.
Ancora in Lombardia, nelle montagne bresciane, a Saviore dell’Adamello, un’escursionista 24enne romana è deceduta dopo essere scivolata nel sentiero bagnato che stava percorrendo con il suo fidanzato. Per la giovane, precipitata per diversi metri, non c’è stato nulla da fare nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi.

Nel Veronese invece, al Lago di Garda, località Brenzone, una barca noleggiata da un al
toatesino si è rovesciata. L’uomo che si trovava al comando dell’imbarcazione risulta al momento disperso. Recuperato invece l’altro occupante dell’imbarcazione. È probabile che sia stata una forte folata di vento a provocare l’incidente: altre
quatto imbarcazioni si sono capovolte: 15 le persone soccorse nel lago. E, sempre nel Veronese, una bambina di 6 anni è rimasta ferita alla testa colpita da un sasso mentre stava passeggiando insieme al padre in montagna. Gravi i disagi provocati dall’ondata di maltempo che ha colpito il Veneto. L’incidente più grave si è registrato nel Bellunese, a Marziai di Lentiai, dove nel primo pomeriggio Giuseppe Vergerio, 77 anni, è deceduto dopo che il tronco di un albero, sradicato dal forte vento, si è abbattuto sulla struttura della sagra del paese.

Loading...

Altre Storie

Donna muore, i suoi organi fanno vivere 9 persone

Una vita muore e nove si riaccendono. Perché questo è successo dopo che una donna …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *