Massacro scuola Oregon: dettagli sull’assassino

0

Motivi religiosi hanno spinto l’assassino dell’Oregon ad aprire il fuoco contro i suoi coetanei

Questa è la una foto che ritrae Chris Harper Mercer su MySpace, il 26 enne che è entrato nella Umpqua College Community dell’Oregon facendo strage di coetanei.

Secondo quanto è emerso Chris Harper era originario del Regno Unito ed era un fanatico seguace dei membri dell’IRA, il gruppo terroristico che ha seminato panico e terrore con attentati sanguinosi in passato tra l’Irlanda ed il Regno Unito per motivi religiosi. Nel suo profilo postava foto dei membri armati.

Secondo le prime informazioni è nato e cresciuto in Inghilterra prima di trasferirsi negli Stati Uniti.

Il padre intervistato dai giornalisti ha rotto finalmente il silenzio e speso qualche parola sul figlio e sull’accaduto. Dalla sua casa di Tarzana in California, Ian Mercer ha detto: “Ovviamente, è stata una giornata devastante devastante per me e la mia famiglia”. Sono scioccato come tutti per quello che è successo oggi. Ho appena parlato con la polizia e l’FBI. Ecco tutti i dettagli che ho in questo momento, è quello che si sa già”.

L’assassino è ricordato dai vicini di casa come un ragazzo molto nervoso, alcuni membri del campus hanno invece parlato di una persona molto timida.

Chris Harper-Mercer viveva prima nella città di Torrance, California, prima di trasferirsi a Winchester, nell’Oregon, per motivi di studio. Mentre il padre adesso si è spostato nella città di Tarzana.

L’adesione all’IRA da parte del giovane assassino trova benissimo conferma nella dinamica della strage, secondo quanto affermato dai testimoni.

Entrato in una delle aule del campus avrebbe chiesto agli studenti di alzarsi se erano cristiani, poi a coloro che si sono alzati in piedi ha detto:’Bene, poiché sei un cristiano, stai andando a vedere Dio tra circa un secondo’.
I cristiani erano il suo obiettivo fin dall’ingresso nel campus, Chris Harper ha agito con meticolosità, prima di essere fermato dagli agenti, i quali sono stati costretti ad aprire il fuoco e a ferirlo a morte.

Loading...
SHARE