Home » Economia & Caste » Medicine rubate negli ospedali: un danno da 22 milioni di euro

Medicine rubate negli ospedali: un danno da 22 milioni di euro

Dal 2006 ai primi cinque mesi del 2014 sono state rubate medicine in un ospedale italiano su 10: il danno alla Sanità è di circa 22 milioni di euro. È quanto risulta dal report “The theft of medicines from italian hospitals” pubblicato da Transcrime, il Centro interuniversitario di ricerca sulla criminalità transnazionale dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università degli studi di Trento. A rendere più preoccupante il dato, il fatto che su 110 furti totali, ben 37 sono avvenuti nella prima metà del 2014.

Il 44% dei furti, secondo il bollettino, sono avvenuti nei mesi invernali, per una cifra che si aggira attorno ai 250mila euro. I farmaci più gettonati tra i “furbetti” sono quelli oncologici, gli anti-reumatici, farmaci biologici e immunosoppressori. Le regioni nelle quali si rubano più medicine sono Campania e Puglia, nelle quali si concentrano ben il 45% delle sottrazioni. Ma chi c’è dietro questo giro?

Secondo il rapporto, riportato dall’Ansa, è la criminalità organizzata a gestire il giro di farmaci rubati, rivendendoli poi in nero in Italia, ma anche in Slovacchia, Lettonia, Ungheria, Slovenia e Romania, magari tramite appositi siti Internet. Ad incoraggiare la criminalità, il fatto che per la sottrazione di farmaci negli ospedali le sanzioni sono inferiori a quelle di altre attività illecite.

Loading...

Altre Storie

Con l’auto sulla folla: «Volevo ammazzarne tanti»

«Volevo ammazzarne di più», dichiara stralunato al pm Stefano Latorre che va a interrogarlo nel …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *