Meningite: gravi le condizioni della maestra di Terni colpita dalla malattia

Sono gravi ma stabili le condizioni della maestra di Terni colpita da meningite fulminante e ricoverata all’ospedale Santa Maria di Terni.
Il medico, dottor Bartocci, che ha diffuso il comunicato, ha confermato che la maestra d’asilo è nel reparto rianimazione dell’ospedale, ma la sua prognosi rimane riservata.

La donna, una maestra d’asilo di circa 50 anni, è attualmente in coma. Sono stati eseguiti due esami per capire se la forma di meningite da cui è stata colpita è quella causata da meningococco, ma fortunatamente entrambi hanno dato risultato negativo. La meningite da meningococco è la forma di meningite più pericolosa in assoluto.
Nel caso della donna la diagnosi è al momento di meningoencefalite, poiché l’infiammazione si è estesa anche al parenchima cerebrale.

La meningite è una malattia potenzialmente letale e altamente contagiosa

Per evitare il proliferare di un’epidemia, tutto il personale sanitario che da sabato – giorno di ricovero della paziente – è entrato a contatto con la maestra d’asilo, dovrà sottoporsi alla profilassi prevista in casi come questi.

Sono in tutto più di 100 le persone che dovranno essere sottoposti a profilassi. Oltre ai medici infatti, anche i familiari ma soprattutto gli 80 bambini che sono iscritti alla scuola materna dove la donna insegnava, stanno ricevendo gli accertamenti del caso.
Nonostante ciò, la struttura verrà riaperta per il regolare svolgimento delle lezioni, domani.
meningite


Dal 2015 sono stati riportati 35 casi di meningite in Italia. Sette sono le vittime a causa della malattia: 6 per la forma più grave da meningococco C e una per il ceppo da meningococco B. L’età delle vittime va dai 12 agli 82, a conferma che la malattia può colpire chiunque.
La forma più grave di meningite, la meningococcica, porta alla morte in circa il 10% delle soggetti colpiti.
Senza un’assistenza ospedaliera valida o se la malattia non viene presa in tempo, la percentuale di decessi sale al 50%

La meningite è una malattia che colpisce il sistema nervoso centrale e che nella maggior parte dei casi è procurata da virus e batteri. Sebbene da alcune fonti risulta che perfino Ippocrate fosse a conoscenza della sindrome, la prima epidemia di meningite risale al 1805, da allora numerose epidemie si sono susseguite in Europa, Stati Uniti e soprattutto in Africa dove la malattia all’inizio del ventesimo secolo ha colpito la Nigeria e il Ghana.

In occidente, la meningite colpisce circa 3 persone ogni 100.000. In Brasile e in Africa le percentuali salgono. In genere, il periodo in cui la malattia è più frequente va da dicembre a giugno e ha come focolai le grandi caserme militari o le scuole.

I sintomi sempre presenti della malattia sono febbre e mal di testa. In misura meno frequente, ma sempre abbastanza comuni, compaiono vomito, fotofobia, convulsioni.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *