Metformina, la droga contro il diabete, che può allungare la vita fino a 120 anni

Metformina: la droga che combatte il diabete di tipo 2 mellito potrebbe essere utile per combattere la vecchiaia e le patologie collegate

Chi avrebbe mai pensato che la metformina, un farmaco comunemente utilizzato per curare il diabete possa aiutare le persone a vivere più a lungo? Un cambiamento di rotta nella sperimentazione clinica umana del farmaco sarà portato avanti a partire dal 2016 per dimostrare l’efficacia della metformina nel rallentare il processo di invecchiamento e aiutare le persone a vivere addirittura fino a 120 anni. Ma è davvero possibile o resta al momento soltanto un sogno della fata-medicina?

metmorfina

La metformina da droga potrebbe diventare l’agognata fonte dalla giovinezza

La metformina è una droga – un derivato di biguanide – che riesce migliorare i livelli di tolleranza del glucosio in pazienti con il diabete di tipo 2 facendo diminuire anche la produzione epatica di glucosio. E’ il principio attivo più utilizzato contro il diabete di tipo 2 mellito; nei soli stati uniti è stato somministrato a più di 59 milioni di persone.
Ora il farmaco a base di metformina ha ricevuto il via libera da parte della Food and Drug Administration per il test sugli esseri umani nel 2016. Questa droga/farmaco è stata definita come la fonte della giovinezza, dal momento che sembra riesca a rallentare il processo di invecchiamento. Gli scienziati sperano che questo farmaco possa rivelarsi effettivamente utile nel curare malattie tipiche della vecchiaia come il Parkinson e l’Alzheimer.
Sarà il test clinico sui pazienti anziani, il quale al costo di 10 centesimi al giorno che alcuni di essi potranno sottoporsi che in caso di successo, potrebbe significare che una persona di 70 anni, potrebbe raggiungere le condizioni di salute di una di 50 anni, recuperando 20 anni di vita.

Ho fatto ricerche sull’invecchiamento per 25 anni e l’idea che ci si sarebbe trovati a parlare di sperimentazione clinica sull’uomo di una droga anti-invecchiamento sarebbe stata ritenuta inconcepibile. Ma ci sono tutte le ragioni per credere che sia possibile“, ha detto il professor Gordon Lithgow del Buck Institute per la ricerca sull’invecchiamento in California.
Lo studio, sull’utilizzo della metformina contro l’invecchiamento, è guidato dagli esperti dell’Albert Einstein College of Medicine e sostenuto dalla Federazione Americana per la Aging Research. Secondo il Dr. Nir Barzilai, direttore dell’Istituto per la ricerca sull’invecchiamento all’ Einstein College of Medicine e co-direttore scientifico di AFAR, l’effetto della metformina sull’invecchiamento è stato ampiamente studiato. In realtà, è stato provato soltanto sui topi in laboratorio, sui quali ha prodotto l’effetto che si spera ottenere anche sull’uomo.
La metformina ha dimostrato l’efficacia nel ridurre lo stress ossidativo e l’infiammazione che giocano un ruolo importante nella maturazione biologica e nella salute umana generale. Quindi, per la sperimentazione clinica sugli esseri umani, i ricercatori reclutano gli adulti più anziani in un studio doppio sulla ciecità ed il controllo di placebo. Il test determinerà se la metformina può ritardare l’insorgenza di diversi stadi patologici come i tumori, le malattie cardiovascolari, il diabete di tipo 2, il declino cognitivo e la stessa morte.
La ragione principale per intraprendere questo studio è quello di convincere la Food and Drug Administration per l’approvazione contro l’invecchiamento a titolo indicativo, e quindi un obiettivo per il futuro verso farmaci sempre migliori“, ha aggiunto il dottor Barzilai.

I test futuri ci diranno se ha ragione o meno, noi tutti speriamo assolutamente di sì.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*