Home » Politica & Feudalesimo » Monti bis dopo il 2013, è sempre più probabile

Monti bis dopo il 2013, è sempre più probabile

Sin dai primi giorni in cui si è insediato, a Monti è stata fatta soprattutto una domanda: “Vorrebbe fare il premier anche dopo la primavera del 2013?” Il professore, nei primi tempi, rispondeva con un secco no, chiarendo che sarebbe tornato alla Bocconi e che a governare il paese ci dovevano pensare i politici di professione, “non i tecnici”.

Come avrete notato, però, nell’ultimo periodo le risposte di Monti sono state molto più incerte. Il professore c’ha preso proprio gusto. D’altronde, è bello governare quando il 95% dei giornali e delle televisioni stanno dalla tua parte e il parlamento approva ogni legge senza fiatare.

Casini è, con Napolitano, il primo tifoso di Monti. Per i due, vedere il professore ancora premier sarebbe un sogno che si realizza. Nel Pdl Monti viene ben visto quasi da tutti e lo stesso Berlusconi è ormai convinto che è lui la persona giusta per mantenere intatto il suo impero economico. E il Pd? Bersani ha la grande chance di diventare finalmente presidente del consiglio, ma si potrebbe “accontentare” anche del ministero dell’economia. Renzi, il presunto avversario di Bersani, non ha mai nascosto la stima per Monti. Insomma, Pd, Pdl e Udc non si presenteranno uniti alle prossime elezioni politiche. Ma un Monti bis, sostenuto dagli stessi partiti di adesso, è sempre più probabile, con la scusa del bisogno di stabilità e con la retorica del “ce lo chiede l’Europa”. E poi, diciamoci la verità: gli italiani a parole si lamentano ma, nei fatti, amano essere bastonati dal “salvatore della patria” di turno. I sondaggi parlano chiaro: la somma dei voti di Pd, Pdl e Terzo Polo va ben oltre il 50%.

Loading...

Altre Storie

Richiamato lotto di porchetta di Ariccia Igp per rischio microbiologico

Ma negli ultimi giorni è nato l’allarme sul prodotto sottovuoto a marchio Fa.Lu.Cioli… Sul sito del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *