Home » Primo piano » Muore a 40 anni e lascia 18 regali per la figlia neonata

Muore a 40 anni e lascia 18 regali per la figlia neonata

Si è spenta all’età di 40 anni a Treviso, Elisa Girotto a causa di un tumore di rara aggressività ma prima di andarsene ha deciso di lasciare un regalo alla figlia neonata.In realtà la donna più che un regalo, ha deciso di lasciarle 18 doni da scartare uno a ogni compleanno fino alla maggiore età, a dimostrazione di quanto importante fosse per lei e di quanto fosse stata desiderata e cercata.Elisa Girotto è morta pochi giorni fa a Treviso, dopo un anno e mezzo di calvario a causa di un aggressivo tumore al seno che alla fine l’ha sopraffatta. Una bella donna di appena 40 anni, la quale aveva saputo di essere affetta da un tumore molto aggressivo al seno proprio nei giorni più belli della sua vita, ovvero dopo avere partorito la sua piccola Alice.

Da quel momento sarebbe iniziato il suo calvario tra esami, medici, interventi chirurgici e terapie che purtroppo non hanno sortito alcun effetto perché la malattia ha avuto la meglio portandola alla morte. Prima di lasciare questo mondo Elisa però ha avuto l’idea di preparare 18 regali, destinati alla figlia Alice ogni anno fino alla sua maggiore età per cercare di essere vicina durante la crescita. “Quanto mi resta?”, aveva detto la donna al marito, il quale a fatica ha risposto “Due mesi”. “Pensavo qualcosa di più. Non importa, riusciremo a fare tutto lo stesso”, ha replicato Elisa.

Purtroppo i medici non hanno sbagliato perché da quando Elisa ha fatto queste domande al marito sono passati poco più di 3 mesi e la donna è morta l’altra notte alla casa dei gelsi di Treviso l’hospital dell’ Advar che accompagna i malati terminali negli ultimi giorni di vita. Una volta appreso che aveva soltanto pochi mesi a disposizione, come già detto, Elisa ha iniziato a programmare ogni compleanno della bambina, comprandole un regalo per anno fino al raggiungimento della maggiore età.

“Non potrò sapere come sarà il mondo tra così tanto tempo” si era detta tra sè e sè. Il marito Alessio per il giorno dell’addio pare abbia preparato una poesia in previsione di questo momento, nella quale si legge: “Non posso più regalarti tulipani, sentire il treno con te. Non posso piangere, ridere, con te. Chiederti scusa, fare la pace, cantare e camminare con te. Non posso più dirti, Eli vedrai che ce la faremo. Ma posso ancora amarti. Insieme, per sempre“. “Le avevo promesso che l’avrei aiutata a guarire, non ce l’ho fatta , ma so che Elisa mi ha già perdonato”, ha aggiunto ancora il marito. “Le avevo promesso che l’avrei aiutata a guarire, non ce l’ho fatta , ma so che Elisa mi ha già perdonato“, ha aggiunto ancora il marito.

Loading...

Altre Storie

Dieta del piatto unico, perdere 5 chili in meno di una settimana

Perdere qualche chilo e dimezzare il tempo trascorso davanti ai fornelli, ma continuando a gustare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *