Home » Cronaca & Calamità » Muore perché l’ambulanza si perde e manca il defibrillatore

Muore perché l’ambulanza si perde e manca il defibrillatore

Ambulance-ambulanza -118 emergency-FIAT Ducato 3° serieCerti fatti di cronaca sembrano uscire da un libro di fantasia e, invece, accadono nella realtà, lasciando letteralmente basiti i lettori e chi scrive di tali storie. A Pietrasanta, un uomo di 57 anni è stato colto da un malore, mentre era in casa: con lui c’era il figlio il quale subito ha chiamato i soccorsi. Nonostante l’ambulanza sia giunta con una certa tempestività sul posto, il 57enne non è scampato alla morte. Ciò è accaduto perché sull’automedica non era presente il defibrillatore, strumento indispensabile in casi di emergenza come questi. Non è tutto: sul posto sarebbe dovuta giungere un’ulteriore ambulanza che, però, si è persa, non riuscendo a raggiungere l’abitazione dell’uomo.

Una volta arrivata sul posto, il signore già era morto: l’ASL, dopo aver ammesso l’errore, ha avviato un’indagine interna per chiarire ulteriormente la vicenda. Sul corpo dell’uomo sarà effettuata un’autopsia che stabilità le reali cause del decesso. A stabilirla, il magistrato che si sta occupando dell’accaduto. Brunero Baldacchini, direttore generale dell’ASL 12 di Viareggio, ha commentato così la vicenda: “Stamani è successo un fatto grave: un uomo, al quale la Centrale Operativa del 118 aveva assegnato il codice rosso, è morto”. “L’errore che è stato commesso è grave – dice Baldacchini – Le procedure prevedono che l’auto medica debba avere il defibrillatore a bordo e che sia l’infermiere a fare la check list delle attrezzature”.

[Foto: Luca Prioli via Compfight]
Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *