Muos: procura di Caltagirone ordina il sequestro

La Procura di Caltagirone ordina il sequestro del Muos, l’impianto satellitare del militari Usa installato nella riserva di Niscemi (Caltanissetta). La decisione è stata presa in seguito alla decisione del Tar di Palermo, che aveva accolto i ricorsi dei comitati No Muos e del Comune contro la prosecuzione dei lavori di realizzazione dell’impianto di Tlc.

A febbraio, i giudici avevano stabilito che le grandi antenne installate dai militari Usa sono pericolose per la salute dei cittadini siciliani. Il sequestro, che fa seguito a quella sentenza, è stato disposto dal procuratore di Caltagirone, Giuseppe Verzera, che lo motiva con la “violazione del vincolo paesaggistico di inedificabilità assoluta presente in una riserva naturale, al quale sono sottoposte anche le costruzioni di carattere militare”.

Il provvedimento è già stato notificato al comandante del contingente militare americano in servizio presso la base di Sigonella. A provvedere all’esecuzione la polizia giudiziaria, nucleo facente capo alla Polizia Municipale della Procura di Caltagirone. Esulta anche il Movimento 5 Stelle siciliano, che del “No Muos” aveva fatto anche una propria battaglia in diverse sedi istituzionali nel corso degli ultimi anni.

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17360″]

One Reply to “Muos: procura di Caltagirone ordina il sequestro”

  1. Ben fatto! Ma saranno in grado di mantenere, sotto sequestro, l’area sequestrata o dovranno renderla “con scuse” agli americani? Le aree militari, italiane e americane, sono state abbandonate sul suolo italiano, ma piene di schifezze da smaltire con le precauzioni e costi. Per gli americani La Maddalena ed una postazione radar in Toscana, il nostro demanio militare vorrebbe vendere 152 siti militari (oltre 100 km2) nel solo Friuli Venezia Giulia. Ai tempi della guerra fredda, il FVG era considerato prima linea, perciò requisirono i terreni che più erano adatti ai loro scopi. Ora NON trovano un sindaco pronto a firmare la variazione di destinazione d’uso. Senza quell’atto non si vende….

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *