Nuovi batteri resistenti agli antibiotici: 80mila persone a rischio

3

Una nuova generazione di batteri mette a rischio la vita di circa 80mila persone: è l’allarme lanciato da un rapporto del governo britannico, secondo cui tantissime persone potrebbero incappare in un’infezione che non si può curare nemmeno con gli antibiotici. Preoccupato anche il primo ministro inglese, David Cameron, che parla della possibilità di “un ritorno agli anni bui della medicina”.

Una cosa da prendere dunque molto seriamente, visto che l’allarme proviene direttamente dal Dipartimento per la gestione delle emergenze nazionali di Downing Street, l’equivalente della nostra Protezione Civile. Nel rapporto sui batteri resistenti agli antibiotici, si legge che “senza farmaci efficaci anche le più semplici operazioni potranno essere a rischio fatale”. Tra le insidie che preoccupano maggiormente le istituzioni di Sua Maestà ci sono la E.coli, la Klebsiella pneumoniae e lo Staphylococcus aureus.

Loading...
SHARE