Oceani: 8 milioni di tonnellate di plastica l’anno

Gli oceani vengono utilizzati come discariche: ogni hanno in mare vengono riversati circa 8 milioni di tonnellate di plastica

Nei nostri oceani tra un po’ di tempo vedremo più rifiuti di plastica che qualsiasi altra specie animale. Una bella soddisfazione nuotare tra rottami di plastica che galleggiano un po’ dappertutto, non trovate?

Si stima che dal 2010 ogni anni l’uomo riversi nelle acque del pianeta circa 8 milioni di tonnellate di rifiuti in plastica.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Science, ci dice anche che questo aberrante trend è destinato a salire in futuro. La quantità di plastica riversata negli oceani potrebbe raggiungere la somma di 80 milioni di tonnellate nei prossimi anni.

Secondo gli scienziati, l’uragano El Nino ed il riscaldamento globale hanno innescato la più devastante crisi di sbiancamento dei coralli che il mondo abbia mai avuto. Le elevate temperature dell’acqua stanno causando un cambiamento radicale nel corallo, che passa prima al colore banco e poi muore. Potremmo perdere dal 10 al 20 per cento delle barriere coralline quest’anno, ha dato l’allerta uno scienziato del NOAA.

La pesca eccessiva sta cambiando radicalmente gli ecosistemi marini e sta anche riducendo il numero di predatori naturali, il cui ruolo è fondamentale per mantenere gli oceani in buona salute.
Una recente ricerca ha dimostrato che gli squali sono grandi serbatoi di carbonio, e senza di loro, gli ecosistemi in carbonio blu, che mantengono il carbonio nell’oceano, possono essere cancellati, portando a enormi quantità di emissioni.

E ogni anno centinaia di migliaia di squali vengono pescati o anche soltanto uccisi, perché temuti predatori.

Un altro spaventoso rapporto pubblicato dal World Wildlife Fund e dalla Zoological Society di Londra ha dimostrato che tra il 1970-2012, il numero di pesci nel mare è sceso di quasi la metà.

Come se non bastasse l’Italia ha deciso di dare anche il suo importante contributo nella distruzione degli ecosistemi marini tramite il decreto sblocca italia, garantendo alle multinazionali di ricercare il petrolio nelle nostre coste.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*