Home » Politica & Feudalesimo » Odifreddi durissimo col Pd: “Renzi nuovo Duce, l’Italia un regime”

Odifreddi durissimo col Pd: “Renzi nuovo Duce, l’Italia un regime”

odifreddi piergiorgio fotoIl professor Piergiorgio Odifreddi continuerà ad avere un blog ospitato da Repubblica? La domanda sorge spontanea dopo il durissimo attacco dello scrittore e matematico di fama mondiale al governo Renzi. Un attacco sul quotidiano più piddino del Paese, quello diretto da Ezio Mauro.

Odifreddi non ha dubbi: Renzi continua sulla scia di Berlusconi, il quale a sua volta aveva per modello Mussolini. In parole più semplici: il segretario del Pd è un nuovo “Duce”, l’Italia “un regime”, gli intellettuali dei codardi e gli Italiani delle “pecore”.

Il matematico attacca nel merito le disastrose riforme della Costituzione su cui Renzi e Berlusconi sono d’accordo. A conclusione del post, dal titolo eloquente – “Riforme dittatoriali” – va ancora oltre.

“Solo Renzi e Berlusconi hanno voce in capitolo, e potere di decisione – scrive lo scienziato. – Per quanto riguarda la legge elettorale, poi, essi ripropongono un porcellinum con le stesse caratteristiche di incostituzionalità già rilevate dalla Corte Costituzionale per il porcellum, solo leggermente annacquate: in particolare, liste bloccate dai partiti, e premio al partito di maggioranza relativa.

Immagino – prosegue il matematico – che tra poco lo sgangherato duopolio imporrà anche un giuramento di fedeltà al nuovo regime. E sono pronto a scommettere che, di fronte alla richiesta del Duce di oggi, gli italiani (che già gli si stanno accodando nei sondaggi, servili come sempre) si comporteranno eroicamente, come già fecero nel 1931 i professori universitari ai quali il Duce di allora impose di giurare: lo fecero tutti, eccetto 12. Anche questa volta a non giurare non saranno di più, e gli altri ci regaleranno un altro bel ventennio, dopo i due di Mussolini e di Berlusconi.

Noi italiani siamo candidi componenti di un gregge: il che, come diceva Einstein, significa che siamo pecore. Anzi, pecoroni. Se no, giurato che non avremmo permesso a Renzi di arrivare dove sta, e non gli permetteremmo di rimanerci un attimo di più, sapendo – conclude Odifreddi – che presto sarà troppo tardi per levarcelo”.

Loading...

Altre Storie

Meteo, le previsioni dal 24 al 26 novembre

Ma sarà mercoledì la giornata più intensa di maltempo. E’ arrivato il weekend che le previsioni meteo dei principali siti …

9 comments

  1. Cosa bisogna attendersi ancora da Renzi, quando decide senza consultare le parti sociali? Infatti, la CGIL si lamnentò in proposito. Renzi rispose: “Se ne facciano una ragione!” Forse, a nostra insaputa, Renzi ha disciolto il legame che c’era tra CGIL e PD!

  2. Se la sinistra non ha un leader forte dicono che non sanno parlare, se ce l’ha è regime.
    Grazie, “informazione”.

  3. O che fa bene o male o entrambe le cose ad alcuni ed altri se e’ solo un uomo e la sua cerchia a dirigere e’ sempre una dittatura o regime.
    Bisogna mettere piu’ persone a dirigere l’italia, con estrazioni sociali diverse senza amicizie o parentele varie con la politica attuale, eletti direttamente dal popolo senza liste o partiti e che questi possano poi proporre degli uomini o ministri scelti dal popolo, mettere di tutti questi uomini il proprio curriculum vitae e la possibilita’ di scorrere in un database online di polizia eventuali precedenti penali o parentele cosi’ da potere scegliere liberamente.
    Dopo di che qualsiasi manovra bene o male verra’ accettata dagli italiani i quali si sentiranno responsabili del voto.

  4. Odifreddi, non sempre e’ condivisibile, egli e’ incazzato, anche noi lo siamo.

  5. renzi olre la rottamazione il nulla.
    quando i pil crescera del 2% l’anno
    sarà il mio idolo
    dubito che riesca
    ci vuole programmazione e una politica economica seria
    basata investimenti e innovazioni

  6. Aggiungerei la ducetta romana, duce con frangetta, mantenuta in Friuli per farsi pubblicità, nonostante l’80% dei friulani non l’abbia votata e forse non abbia nemmeno vinto le elezioni (0,39% di consensi, con 2000 voti in vantaggio e 12000 schede nulle!). Robe da matti!!!

    • Ho sbagliato di scrivere per la fretta: neanche 2000 voti di vantaggio, contro 12000 schede nulle, 6 volte tanto!!! E hanno bloccato la riconta delle schede, ma che democrazia è?

  7. elena guerini

    per fortuna c’è ancora gente con i cosiddetti attributi che dicono la verità W il movimento 5 stelle ,l’unico che vuole la libertà è onesto è fatto da cittadini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *