Home » Cronaca & Calamità » Odifreddi: “Israele peggio dei nazisti”. Repubblica lo censura, il prof se ne va

Odifreddi: “Israele peggio dei nazisti”. Repubblica lo censura, il prof se ne va

Non basta essere uno scrittore e uno scienziato di fama internazionale, docente di logica e matematica. Non basta essere uno dei più grandi intellettuali italiani viventi. La censura di Repubblica ha colpito anche il  professor Piergiorgio Odifreddi, che ha deciso di abbandonare il blog. Nel post censurato, lo scrittore paragonava Israele ai nazisti.

In questi giorni si sta compiendo in Israele l’ennesima replica della logica nazista delle Fosse Ardeatine. Con la scusa di contrastare gli “atti terroristici” della resistenza palestinese contro gli occupanti israeliani, il governo Netanyahu sta bombardando la striscia di Gaza e si appresta a invaderla con decine di migliaia di truppe. Il che d’altronde aveva già minacciato e deciso di fare a freddo, per punire l’Autorità Nazionale Palestinese di un crimine terribile: aver chiesto alle Nazioni Unite di esservi ammessa come membro osservatore! Cosa succederà durante l’invasione, è facilmente prevedibile. Durante l’operazione Piombo Fuso di fine 2008 e inizio 2009, infatti, compiuta con le stesse scuse e gli stessi fini, sono stati uccisi almeno 1400 palestinesi, secondo il rapporto delle Nazioni Unite, a fronte dei 15 morti israeliani provocati in otto anni (!) dai razzi di Hamas. Un rapporto di circa 241 cento a uno, dunque: dieci volte superiore a quello della strage delle Fosse Ardeatine. Naturalmente, l’eccidio di quattro anni fa non è che uno dei tanti perpetrati dal governo e dall’esercito di occupazione israeliani nei territori palestinesi.

Insomma, altro che libertà di stampa! O sei allineato con la posizione editoriale del quotidiano, oppure vieni censurato. Specie se si tratta di Israele.

Loading...

Altre Storie

Insonnia da dipendenza tecnologica: ne soffrono sempre più gli adolescenti

Uno studio condotto dal professore Claudio Mencacci direttore del Dipartimento Neuroscienze e salute mentale dell’ASST …

6 comments

  1. salvatore venuleo

    Ho grande stima di Odifreddi, della sua intelligenza e della sua passione laica. Penso però che l’appellativo di nazista vada maneggiato con prudenza perché il nazismo è il male assoluto. Non basta il raffronto matematico delle vittime dele rappresaglie naziste con quelle praticate da Israele. In ogni caso nessun giornale può ospitare qualunque opinione. Non può essere una buca da lettere.

  2. Piccolo Scrivano Malandrino

    Povero illuso, Odifreddi: credeva che Repubblica fosse un giornale sincero.
    Repubblica è come il suo Padrone.
    Che fra l’altro è parente degli israeliani, non certo dei palestinesi.

  3. Sbagliato prof. Odifreddi! Quella tedesca alle Ardeatine era “solo” 10 a 1.

  4. Odifreddi dice la verità. Repubblica è un giornale di merda.

  5. Non si offendono le principali vittime del nazismo , gli ebrei, chiamandoli nazisti. Colpire le basi da cui i palestinesi lanciano missili contro i civili e i bambini israeliani (Gaza)non è sparare a uno a uno a persone innocenti con le mani legate (Fosse Ardeatine). Odifreddi, hai toppato ancora una volta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *