Oscar Pistorius agli arresti domiciliari

Oscar Pistorius esce dal carcere e dalla settimana prossima sarà agli arresti domiciliari. La famiglia dell’ex fidanzata non ci sta

Oscar Pistorius, trascorsi 12 mesi dalla sua condanna per l’omicidio della sua fidanzata Reeva Steenkamp, verrà rilasciato dal carcere e dalla prossima settimana sarà agli arresti domiciliari.

La notizia viene direttamente dal dipartimento del Sud Africa per i servizi correzionali, che ha assicurato che il campione paralimpionico sarà scarcerato martedì per essere messo agli arresti domiciliari sotto una guida correttiva.

Tale scelta, specifica il dipartimento, è stata presa dopo aver valutato il profilo psicologico di Oscar Pistorius e quello della ragazza assassinata e dei suoi familiari.

Il processo ad Oscar Pistorius

Oscar Pistorius è stato condannato nel settembre 2014 al termine di un processo estenuante, seguito con ossessività dai media di tutto il giorno, durato ben 7 mesi. Pistorius è stato riconosciuto colpevole di omicidio colposo nei confronti della sua fidanzata Reeva Steenkamp.
Il giorno di San Valentino 2013 Oscar Pistorius avrebbe sparato alla ragazza. La difesa ha dimostrato che l’atleta avrebbe sparato alla sua ragazza attraverso la porta chiusa del bagno, scambiandola per una ladra.

La famiglia di Reeva Steenkamp è stata consultata la settimana scorsa in merito alla possibile scarcerazione di Pistorius. I genitori si sono opposti, sostenendo che l’omicidio della figlia sia stato intenzionale e non casuale.

Gli sviluppi futuri

La famiglia di Pistorius ha accusato i giudici di essersi fatti influenzare dall’opinione pubblica al momento nelle varie fasi che hanno portato alla sentenza finale. Il 3 novembre 2015 il pubblico ministero si rivolgerà alla corte suprema del Sud Africa con l’obiettivo di chiedere un aumento della pena per Oscar Pistorius. Il loro obiettivo è dimostrare che Pistorius ha ucciso intenzionalmente la sua ex fidanzata ed allungare il periodo di detenzione.

Per adesso, Pistorius potrà invece permettersi gli arresti domiciliari: un successo per la difesa e per l’atleta.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*