Papa Francesco contro la legge di Obama

Papa Francesco critica placidamente la legge di Obama sul controllo delle nascite

Papa Francesco durante la sua visita negli Stati Uniti stacca da tutti gli impegni ufficiali per fare una capatina ad un piccolo, e poco conosciuto, convento delle Piccole Sorelle dei Poveri. Ma qual è il motivo della sua visita?

Il convento ha citato in giudizio nientemeno che la stessa Casa Bianca: le Piccole Sorelle dei Poveri si sono in pratica si sono opposte drasticamente alla legge di Obama sul controllo delle nascite e non intendono adottarla nel loro centro.

Come dichiarato dall’addetto stampa del Vaticano, la visita di Papa Francesco non è stata affatto casuale, ma con essa si intende sostenere le suore nella loro lotta.

Il processo in cui sono coinvolte le Piccole Sorelle dei Poveri verte su una disposizione complicata dell’Affordable Care Act, la legge sul controllo delle nascite appunto: può il governo richiedere alle aziende di acquistare l’assicurazione sanitaria che comprende il controllo delle nascite? E specialmente può farlo se si tratta di una organizzazione, come il convento in questione, che si oppone per questioni religiose al controllo delle nascite?

Esiste già un precedente a riguardo. La Casa Bianca era già stata citata in giudizio (e perso) nel caso chiamato Burwell v. Hobby Lobby, una decisione importante che ha permesso ad alcune organizzazioni religiose di rifiutare l’Affordable Care Act sul controllo delle nascite.

Di conseguenza, l’amministrazione Obama ha creato una deroga per consentire alle organizzazioni religiose presentare un’opposizione alla cosiddetta Obamacare. Ma le Piccole Sorelle dei Poveri hanno storto nuovamente il naso e hanno citato in giudizio di nuovo l’amministrazione della Casa Bianca: le suore dicono anche i solo chiedere loro di presentare l’opposizione è una violazione della loro libertà religiosa.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*