Home » Cronaca & Calamità » Parma shock: vigili urbani sequestrano e picchiano uomo, ma manterranno la divisa

Parma shock: vigili urbani sequestrano e picchiano uomo, ma manterranno la divisa

Cosa bisogna fare per essere licenziati dalla pubblica amministrazione? Difficile, anzi impossibile capirlo. Prendente il caso del povero Emmanuel Bonsu (nella foto). Il giovane studente ghanese, nel settembre 2008, fu sequestrato e picchiato a Parma dai vigili urbani. Otto uomini in divisa sono già stati condannati, anche se non in via definitiva. Ma resteranno al loro posto. Il Tar, infatti, ha dato ragione a tre di loro. Andrea Sinisi, Giorgio Albertini e Stefania Spotti manterranno addirittura la propria qualifica.

Come riporta Il Fatto Quotidiano “gli agenti, insieme ad altri cinque colleghi, dopo il caso Bonsu erano stati spostati dalla municipale ad altri incarichi presso il Comune. Ma dopo la sentenza di condanna in primo grado, la Prefettura di Parma aveva imposto il loro declassamento da pubblico ufficiale durante l’amministrazione del commissario straordinario Mario Ciclosi, togliendo loro la qualifica di agente di pubblica sicurezza. Un declassamento che comporta, oltre alla perdita del ruolo, una riduzione nella busta paga e il divieto di utilizzare un’arma.

Tutti i condannati avevano fatto ricorso al Tar chiamando in causa il Comune di Parma, la Prefettura e il ministero dell’Interno, ma solo l’avvocato Donata Cappelluto, che difende i tre, aveva chiesto la sospensiva del provvedimento prefettizio, che è stata accolta in via cautelare dal tribunale amministrativo”.

La prossima pronuncia del Tar avverrà il 19 dicembre, quando si capirà che ne sarà degli 8 agenti coinvolti nel caso Bonsu.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *