Passeggero morde un uomo su un volo della Aer Lingus e dopo muore

Strana sindrome da ‘zombie’, un uomo morde un altro su un volo aereo e poco dopo perde la vita a seguito di un malore

Uno stranissimo caso si è verificato la scorsa notte: un uomo è morto a bordo di un volo Aer Lingus subito dopo aver iniziato a comportarsi in maniera strana e aver morso mordere un altro passeggero.

Il Volo della compagnia Air Lingus era il EI 485, ed era in viaggio da Lisbona in Portogallo a Dublino in Irlanda, ma lo strano evento ha però costretto il pilota ad effettuare una deviazione e cerca un atterraggio di emergenza a Cork.

Rapporti sostengono l’uomo di 24 anni, abbia iniziato a “mordere un altro passeggero” e che sia stato poi trattenuto dal personale dell’equipaggio dopo essere diventato “estremamente violento“.

Subito dopo essere stato bloccato l’uomo ha manifestato i segni di uno singolare malessere ed è caduto in uno stato di incoscienza, dopo qualche minuto è deceduto.
Tra i passeggeri del volo vi era anche un medico, il quale però non ha potuto nulla per salvare la vita al 24 enne.

Poco dopo l’incidente una donna è stata arrestata. Ma Non è ancora chiaro se il suo arresto sia da collegare all’incidente sul volo.
L’equipaggio ha reagito prontamente trasmettendo un messaggio di emergenza informando i controllori del traffico aereo di un incidente a bordo del Airbus A320-200.

Quando è stato finalmente possibile intorno alle 05:40 l’aereo è atterrato all’aeroporto di Cork. Tutti i 168 passeggeri e sei membri dell’equipaggio sono stati spostati fuori l’aereo e collocati all’interno dell’aeroporto, mentre il personale specializzato e a polizia sta effettuando delle analisi a bordo del velivolo.

La polizia informa che l’uomo, vittima del fatale malessere, viaggiava da solo e forse si recava in Irlanda per motivi di studio.

Si riporta inoltre che un secondo uomo è stato ferito durante l’evento, mentre cercava di aiutare il defunto. Il ferito è ferito è stato portato in ospedale dopo l’atterraggio di emergenza.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*