Home » Politica & Feudalesimo » PD: ecco tutti i candidati raccomandati da…

PD: ecco tutti i candidati raccomandati da…

stumpo_bersaniIeri vi avevamo parlato delle candidature del Pd e dei tanti candidati “derogati” o blindati nel listino del segretario. Guardando alle liste definitive emerge effettivamente un dato di novità. Una presenza massiccia del genere femminile, pari circa al 40% del totale, molti “giovani” trenta-quarantenni usciti vittoriosi dalla competizione interna delle primarie di fine anno e molti esponenti della società civile. Bersani sente la vittoria in pugno, esprime soddisfazione e convincimento nello sbaragliare la concorrenza e vincere facilmente le prossime elezioni.

Questo però rappresenta solo uno dei lati della medaglia. Se è vero, come è vero, che il 90% dei candidati è stato selezionato attraverso il metodo democratico delle primarie rimane però un fatto, una macchia comune a tutti i partiti, ma che nel Pd assume, paradossalmente, una valenza maggiore proprio perchè i democrat si ergono a paladini dell’etica, della morale, delle candidature scelte dal basso. E dal basso, effettivamente, proviene anche una significativa quota di paracadutati: ma non semplici personaggi della società civile, esponenti del mondo sindacale etc, ma portaborse, uomini di apparato della nomenclatura del partito e altro ancora. Sì, arrivano dal basso, ma perchè lanciati verso l’alto con una bella raccomandazione e con un seggio sicuro da scaldare

Fra questi si annoverano il portaborse di Dario Franceschini, Piero Martino, già eletto alla Camera nel 2008 in uno dei collegi siciliani della Camera, e oggi riproposto sempre alla Camera ma nel Lazio. Come sottolinea Giuseppe Falci sul giornale online “L’Inkiesta”, trattasi di “un parlamentare-portaborse che i siciliani non hanno mai conosciuto, ma che si ritrovarono qualche anno fa nelle liste delle precedenti politiche senza sapere chi fosse. Un parlamentare-portaborse che gli addetti ricordano come il “portavoce con lo stipendio più alto”, superando persino uomo ombra di Silvio Berlusconi, Paolo Bonaiuti. Nel 2007 il suo stipendio superò di tanto i 200 mila euro, ricordano i giornali dell’epoca”.

Sempre in quota “Franceschini”, appartenenti alla corrente “Area Dem”, arrivano le candidature di Francesco Saverio Garofani, attuale vicepresidente della Commissione Difesa, e già vice direttore del quotidiano d’area “Europa”, e Alberto Lo Sacco, nel 2006 a capo della segreteria del primo presidente del gruppo parlamentare dell’allora “Ulivo”, che era appunto Dario Franceschini.

Un altro fedelissimo, ma stavolta di Veltroni, è Walter Verini: sarà candidato al secondo posto nel collegio dell’Umbria della Camera. Fra gli altri veltroniani seggi blindati per la “televisiva” Marina Sereni, capolista in Umbria, Marco Causi e Matteo Colaninno (tutti e tre godrebbero di un consenso smisurato se dovessero misurarsi con il consenso elettorale sui territori mettendoci la faccia). Federica Mogherini poi, altra veltroniana: qualche settimana fa aveva deciso di non candidarsi alle “parlamentarie” perché «il mio profilo è tutto tranne che territoriale». Tuttavia ieri gli è arrivato in dono un seggio “sicuro” in Emilia Romagna.

Sorride anche Beppe Fioroni al quale è stata garantita la propria pattuglia di fedelissimi. Dalla segretaria Luciana Pedoto, catalputata in Sicilia, a Donatella Ferranti e Gianluca Beneamati.

Altro grande nome (s)conosciuto al pubblico è quello di Gianni Cuperlo, noto per esser stato un ex segretario giovanile della federazione giovanile del Pci. Nel 2008 eletto in Toscana, «l’avremo visto due tre volte alle feste del Pd in estate», ricorda un pisano democratico. Ieri è stato riconfermato nel Lazio. Uomo ombra fra i dalemiani, rarissime le sue apparizione televisive (in genere all’Infedele di Lerner).

Ma la chicca finale è quella di Nico Stumpo, responsabile organizzativo delle recenti primarie per la premiership. A «Il sosia di Belsito», lo chiamano così nei corridoi del Palazzo, è stata riservata un candidatura nella “sua” Calabria.

Fonte: l’Inkiesta.it

Loading...

Altre Storie

Medici studiano la notte per salvare paziente e ci riescono

Come riporta Il Gazzettino, una soluzione simile per un caso medico come quello del 73enne Sergio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *