Philip Morris sale del 10% nel 2015 grazie alla teconologia not-burn iQOS

0

Philip Morris, il gigante del tabacco che ha continuato a crescere nonostante le difficoltà de mercato

La Philip Morris International Inc. è una holding statunitense impegnata nella produzione e vendita di sigarette, e di molti altri prodotti del tabacco e contenenti nicotina soprattutto al di fuori degli Stati Uniti. I prodotti della holding sono diffusi in più di 180 mercati sparsi in vari paese del mondo.
Tra i suoi marchi più famosi, oltre le stesse Philip Morris, vi sono Marlboro e Merit, nonché quote della Chesterfield, e altri marchi internazionali come Lark, Muratti, Next, e Red & White, in Italia sono inoltre presenti con il marchio Diana.
philip-morris
Questo gigante del tabacco in meno di un decennio ha messo insieme un impressionante track record di crescita e di resilienza in un mercato in rapida evoluzione. Proprio mentre le rivali come la British American Tobacco la hanno messo sotto pressione, la Philip Morri l’azienda ha dovuto affrontare il suo problema più grande di recente, quando ha visto il dollaro statunitense pesare sul valore delle vendite e dei profitti generati all’estero. Tuttavia, la Philip Morris ha superato questo e altri ostacoli nel 2015 riuscendo a produrre un vantaggioso ritorno per i suoi azionisti.
Fondamentalmente, la Philip Morris ha visto alti e bassi per tutto il 2015. La relazione trimestrale pubblicata nel febbraio scorso, quindi agli inizi del 2015, ha dato agli investitori un senso della grandezza della moneta a discapito dei venti contrari che soffiavano sulla società: la Philip Morris ha visto il dollaro togliere 9 punti percentuali pieni di crescita del fatturato e più di un quarto dei suoi guadagni complessivi per il trimestre. Eppure già entro aprile l’aziennda  aveva visto migliorare le sue condizioni economiche e, anche se il dollaro ancora la teneva indietro, la crescita di valuta-neutral del 9% nelle vendite e del 24% degli utili per azione per il primo trimestre è stato di gran lunga migliore rispetto a ciò che la maggior parte degli investitori si aspettava. Un elemento chiave della svolta è stato l’aumento delle spedizioni e delle vendite di sigarette, in particolare per Marlboro, che ha fatto registrare guadagni per oltre il 2%.

La strategia chiave che la Philip Morris è stata l’introduzione della tecnologia pionieristica  del calore not-burn iQOS. Il lancio di iQOS è proseguito durante l’anno e, nel mese di novembre, la società ha detto che avrebbe fatto nuovi lanci a Mosca, Lisbona e Bucarest. Con i test precedenti nei mercati in Giappone e in Italia, Philip Morris è stato incoraggiato dai primi risultati, e si augura che i suoi prodotti saranno in grado di aiutare a differenziare dalla British American Tobacco e altri rivali in tutto il mondo.

Loading...
SHARE