Porsche Mission E avrà un motore elettrico ricaricabile in 15 minuti

La Porsche Mission E, il nuovo modello elettrico della casa tedesca, è pronta per essere lanciata sul mercato, ma occorrerà ancora del tempo

La Porsche Mission E, svelata al Salone di Francoforte di settembre, è stato ammessa per la produzione da parte del consiglio di sorveglianza di Porsche. Il presidente del consiglio esecutivo, il dr. Oliver Blume, ha dichiarato che la società sta “cominciando un nuovo capitolo nella storia della vettura sportiva” con il lancio della Mission E.
Inoltre in casa Porsche informano che più di 1000 nuovi posti di lavoro saranno creati nella sua sede di Stoccarda. Circa 700 milioni di euro saranno invece investiti sullo stabilimento principale, con un nuovo impianto di verniciatura e assemblaggio. La fabbrica è in fase di espansione per la produzione di motori elettrici a fianco dei classici motori a combustione.
La Porsche Mission E ha lo scopo di “coniugare prestazioni di guida eccezionali con la praticità di tendenza giorno per giorno.” Il modello a quattro posti è dotato di un know-how di accumulo di energia ottenuto dalla vincitrice di Le Mans 919 Hybrid, con la tecnologia della batteria della 918 Spyder.

Prsche Mission E, alcune caratteristiche sul modello

L’energia è garantita dalla presenza di ben due motori elettrici, uno che agisce sul fronte dell’assale anteriore e uno posteriore, che fornisce la trazione alle ruote posteriori. La potenza combinata dei due è valutata intorno ai 592bhp, e la Porsche dice che la Mission E è in grado di raggiungere 100 km/h in meno di 3,5 secondi, praticamente più veloce di una 911.
In confronto, la versione più potente della Tesla Model S, la P85D, prende 682bhp dalla sua coppia di motori elettrici, e può raggiungere i 100 km/h in 3,2 secondi.
Il concept della Porsche Mission E pesa 2000 kg, e dispone di una batteria di raffreddamento a liquido montato nella carena, in grado di fornire alla Mission E un basso centro di gravità simile a quello della 918 Spyder. Il concept ha anche una nuovissima piattaforma specificamente costruita su misura intorno al suo sistema di azionamento elettrico, con un pianale in alluminio, di acciaio ad alta resistenza e in fibra di carbonio rinforzata in plastica. L’adozione di una piattaforma su misura significa che le varianti ibride o con motore a combustione della Mission E sono effettivamente escluse.
La vettura dispone anche di un rivoluzionario caricabatterie di 800 volt, che è in grado di ricaricare le batterie agli ioni di litio della Porsche Mission E al 80% della capacità in soli 15 minuti. L’induzione wireless è anche prevista, dal momento che le bobine sono incorporate nella carena.
In casa Porsche sperano di portare il modello sul mercato così com’è, senza dover cambiare nulla. Ulteriori informazioni si avranno alla prossima Panamera, che si terrà il prossimo anno.

One Reply to “Porsche Mission E avrà un motore elettrico ricaricabile in 15 minuti”

  1. Avete fatto due citazioni di marche: Tesla e Pirsche.
    La Tesla si affida alla rete Supercherge per effettuare una ricarica in tempi decenti, ma a casa avrebbe bisogno di un contatore elettrico da 13 KW….
    La Porsche Mission E, rimane da vedere e provare….

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *