Home » Politica & Feudalesimo » Pressione fiscale sempre più su: Italia quarta in Europa
Enrico Letta

Pressione fiscale sempre più su: Italia quarta in Europa

ITALY-POLITICS-LETTAL’Italia continua la scalata verso il tetto d’Europa, ma non di certo per un primato encomiabile, bensì per la tassazione record. PD, PDL e Monti, che ormai ci governano assieme da oltre 5 anni, continuano a tartassare i cittadini italiani senza rilanciare la crescita e il lavoro, ma soprattutto senza abbassare la pressione fiscale. La stessa, dal 42,6 del 2011 è salita al 44% del 2012, secondo i dati Bankitalia, portandoci a scavalcare la Finlandia e piazzarci al quarto posto per il peso del fisco tra i 17 paesi dell’euro (era al quinto nel 2011) e al sesto posto tra i 27 nell’Ue (dal settimo posto del 2011). Ci sono più tasse rispetto all’Italia solo in Belgio (pressione fiscale al 47,1% sul prodotto interno lordo), Francia (46,9%) e Austria (44,2%), nei Paesi dell’area Euro.

A fronte di un aumento della pressione fiscale, sale anche la spesa pubblica, che nel 2012 è passata al 50,7% del Pil dal 50,0% del 2011. Nei Paesi europei la spesa ha un’incidenza maggiore sul Pil in Danimarca (59,5%), Francia (56,6%), in Finlandia (55,6%), in Belgio e in Grecia (entrambi i Paesi sono al 54,7% del Pil), Svezia (51,8%), in Austria (51,2%). Insomma, l’Italia galoppa verso il fallimento, ma i nostri governanti continuano a far finta di nulla.

Foto Getty Images – Tutti i diritti riservati

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Dieta mediterranea può prevenire il cancro: ecco perché

Che lo stile alimentare rappresenti un fattore fondamentale per vivere a lungo è assodato. Ma …

One comment

  1. C’è una bella differenza tra le nostre tasse e quelle che dei paesi che stanno prima in classifica.
    Un operaio italiano, ne sono rimasti pochi, che guadagna l.500.00 euro al mese, aggiungendo al 44% le varie imposte e contributi che nei paesi menzionati si pagano solo in proporzione al reddito, se non compensa con lavoro nero ed attività illecite, arriverebbe ad oltre il 100% del suo reddito. Per cui non potrebbe sopravvivere
    – da CocoMind.com – La voce del dissenso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *