Home » Economia & Caste » Prete prende 25mila euro all’anno per dire messa alla Regione Lazio: diciamo grazie a Storace, a Marrazzo e alla Polverini

Prete prende 25mila euro all’anno per dire messa alla Regione Lazio: diciamo grazie a Storace, a Marrazzo e alla Polverini

Rome Film Festival -Press ConferenceIl nuovo governo Letta è stato costruito in sella a due cavalli di battaglia: austerity e sobrietà. Lo stesso papa Francesco, una volta salito al pontificato, ha invitato tutti gli ecclesiastici a costruire una Chiesa povera. E la Regione Lazio cosa fa? Paga 25mila euro all’anno padre Achim Schutz per celebrare qualche messa presso la sede della regione Lazio. Alla faccia dell’austerity! Francesco Storace, a capo della Regione Lazio nel 2003, decise di ingaggiare il prete alla modica cifra di 12.500 euro all’anno. Poi è salito Marrazzo, che di peccati da farsi perdonare ne ha, e lo stipendio del fortunato cappellano è salito a 25.000 euro all’anno. La Polverini ha ben pensato di lasciare tutto com’è, meglio lavarsi le mani.

Padre Schutz è anche docente di Antropologia teologica presso la Pontificia Università Lateranense, nonchè segretario della pontificia Commissione internazionale d’inchiesta su Medjugorje. Insomma i soldi di certo non gli mancano, ma di questi tempi non si sa mai, meglio mettere qualcosina da parte. E così padre Schutz negli ultimi dieci anni si è intascato la bellezza di 200mila euro, ovviamente tutti soldi pubblici. Mentre si tagliano fondi per le ricerche universitarie e scientifiche e vengono effettuati tagli al servizio sanitario, con ospedali senza posti-letto e malati lasciati sprovvisti di assistenza medica, ecco l’ennesimo scempio di denaro pubblico. Il futuro dell’Italia con questa gente è sempre più cupo e tempestoso.

Caricamento in corso ...

Altre Storie

Censura crocifisso dai prodotti e li cancella. Attivisti di fronte alla Lidl alzano crocifisso di tre metri

In Ungheria, un gruppo di attivisti ha eretto una grande croce proprio di fronte alla Lidl . …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *