Home » Cronaca & Calamità » Preti pedofili in prima pagina, la scelta dell’Arcidiocesi di Milwaukee

Preti pedofili in prima pagina, la scelta dell’Arcidiocesi di Milwaukee

pedofiliaUna decisione che sicuramente farà discutere ma che per l’arcidiocesi di Milwaukee, evidentemente, è stata doverosa: essa, infatti, ha effettuato la pubblicazione di migliaia di documenti relativi allo scandalo degli abusi sessuali commessi dai sacerdoti su minori. Un plico di documenti che contiene anche file relativi al Cardinale Timothy Dolan, attuale Arcivescovo di New York, all’epoca dei fatti Arcivescovo di Milwaukee. L’uomo di Chiesa avrebbe trasferito in un fondo fiduciario destinato alla manutenzione dei cimiteri, una cifra che ammonta a 56,9 milioni di dollari in un momento molto delicato per l’Arcidiocesi, la quale, appunto attraversava il delicato momento della bancarotta.

In totale, sono 350 le vittime degli abusi sessuali commessi dai preti in Wisconsin: secondo il legale che le rappresenta, Jeff Anderson, si tratta di frode e Dolan avrebbe proceduto al trasferimento dei fondi per metterli al sicuro da responsabilità legali e da rivendicazioni successive. Anderson, poi, aggiunge che, nel caso la Chiesa voglia nascondere delle verità scomode, ha i suoi modi per agire. Ecco le sue parole al Wall Street Journal: “Se vogliono trasferire denaro lo fanno rapidamente, se vogliono mantenere un prete, e la sua storia, segreta, lo spediscono in una località glaciale”. 

Le verità scomode dei file segreti – Diversi i fascicoli contenenti informazioni su 42 chierici accusati di abusi, messi in atto nella diocesi, a partire dagli anni ’80. In questi documenti sono presenti anche i nomi del Cardinale Dolan e di Rembert Weakland, ex arcivescovo di Milwaukee. A questi nomi si aggiunge anche quello di Richard J.Sklba, vescovo ausiliare in pensione. La diocesi di Milwaukee ha ospitato anche Lawrence Murphy, il reverendo che avrebbe abusato di 200 ragazzi e Sigfried WiderA, sul quale pendono 42 capi di imputazione per pedofilia nel Wisconsin e in California. Entrambi, però, non potranno scontare la loro pena per i reati che hanno commesso: Murphy, infatti, è morto nel 1998, mentre Widera si è suicidato nel 2003 in Messico.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *