Home » Politica & Feudalesimo » Primarie bluff, il Pd deve rimborsare i 2 euro?

Primarie bluff, il Pd deve rimborsare i 2 euro?

bersani-vendola-puppato-pdMi stupisce, in questi giorni, l’assenza di una notizia. Le cose sono due: o non se ne parla, per boicottarla; oppure il fatto non è accaduto, cioè nessuno ha chiesto di riavere indietro i soldi. Di cosa sto parlando? Delle primarie del Pd, anzi del centrosinistra. Ve le ricordate? Sembra passato un secolo, eppure è stato “ieri”, lo scorso autunno. I giornali e le tv, in coro, ci avevano spiegato, come il maestro fa con l’alunno, che erano “riuscitissime”, “molto partecipate”, “uno straordinario esempio di democrazia”, “una prova di forza, maturità e coraggio” da parte dei dirigenti e del popolo di centrosinistra. Cosa avevano sancito, dunque, le primarie? Ve lo ricordate? Siccome sembra passato un secolo, ve lo ricordiamo noi: ben 4 milioni di italiani simpatizzanti del centrosinistra avevano scelto, in mezzo a cinque candidati (Puppato, Tabacci, Vendola, Renzi e Bersani), chi avrebbe dovuto guidare la coalizione alle elezioni politiche di febbraio e dunque, in caso di vittoria, chi avrebbe dovuto guidare l’esecutivo.

Il risultato? Aveva trionfato un certo Bersani. Sì, lo stesso Bersani segretario dimissionario del Pd. Lo stesso Bersani che non ha saputo o voluto creare una maggioranza parlamentare a sostegno del governo. Impresa in cui invece è riuscito, alla velocità della luce, Enrico Letta. Il quale (furbo?) alle primarie non si era nemmeno presentato, sapendo di non avere alcuna chance di successo e non certo per modestia!

Dunque, riepilogando: lo scorso autunno 4 milioni di elettori del Pd, dopo avere pagato 2 euro, hanno stabilito che, in caso di successo elettorale del centrosinistra, a guidare il governo (naturalmente su mandato del Presidente della Repubblica e dopo l’eventuale fiducia) sarebbe stato Bersani. Il centrosinistra, anche se di pochissimo, quelle elezioni le ha vinte. Ma cos’è successo? Il capo del governo è Enrico Letta e non Bersani! Entrambi, badate bene, sono dello stesso partito. Non solo: il Pd, che durante la campagna elettorale aveva sempre sostenuto che mai si sarebbe alleato col Pdl – “mai e poi mai” (vero Fassina?) – ma al massimo con Monti, oggi è alleato sia del Pdl, sia di Monti! E Sel, già protagonista delle primarie, ora è passato all’opposizione!

Insomma, a cosa sono servite queste consultazioni? Anzi, a cosa servono – in generale – le primarie del Pd? Se tanto il capo del governo può essere chiunque, perché scegliere un leader di una coalizione che, tra l’altro, si è già liquefatta?

Chiediamo alle associazioni dei consumatori: si può considerare questa una truffa? Gli elettori del Pd, hanno o no diritto a chiedere i 2 euro sborsati per votare e un piccolo risarcimento danni? Sono domande la cui risposta non conosciamo, visto che non siamo giudici, avvocati o esperti di diritti dei cittadini. Ma ci piacerebbe capire perché questo argomento, così rilevante per la democrazia, sia completamente fuori dall’agenda.

Loading...

Altre Storie

Acqua minerale contaminata da batterio killer Pseudomonas aeruginosa: i lotti interessati

Dopo l’ultimo episodio che ha terrorizzato parecchie persone sulla vicenda del batterio killer Pseudomonas aeruginosa …

One comment

  1. voglio indietro i miei 4 euro e anche il mio voto
    visto che ho votato per un programma che è stato tutto stravolto.non è una truffa del voto quello che stato fatto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *