Raoul Bova, le prime foto con la figlia Luna

La Laguna li ha accolti con la consueta magia che strega e ammalia chi passeggia per ponti e calli. Ma non è certo questo il motivo per cui Raoul Bova e la sua bella Rocio sorridono immersi nella luce soffusa di Venezia. Assieme alla piccola Luna, due mesi appena, nella città degli innamorati vivono una luna di miele che, nei loro ricordi, resterà davvero unica. In queste immagini esclusive, eccoli passeggiare, come turisti tra i turisti, con i sorrisi stampati sulle labbra.

Il sex symbol Raoul è in versione papà dolcissimo e affascinante: stringe al petto Luna, tutta avvolta in una tutina imbottita e adagiata nel marsupio; la spagnola Rocio con cappello, cappotto e occhialoni è “caliente” e mediterranea. Ed è anche molto spontanea: vicino a un romantico canale con le gondole sulla sponda “sfodera” un bastone da selfie e si fotografa con un gran sorriso. E, poco dopo, confessa:

“Mi hai rubato il cuore… Venezia!” Ma, forse, questa considerazione così entusiasta non è del tutto vera: prima della città della Laguna, il cuore, a Rocio, lo ha rubato Bova. Sono passati quasi cinque anni da quando la coppia si è conosciuta sul set di Immaturi – Il viaggio di Paolo Genovese. Allora Rocio era un’attrice ancora poco conosciuta in Italia, Bova era sposato con Chiara Giordano. Con la madre dei suoi due figli maschi oggi Raoul può finalmente sorridere a più di due anni dall’addio . E anche Rocio è molto serena, ancora di più da quando è nata la sua bambina, come ha confessato lei stessa qualche tempo fa:

«Non avrei mai immaginato di fare un figlio ora. Invece è arrivata Luna e sono felicissima». Dopo la bambina, è Raoul la luce degli occhi della bella spagnola: «Penso di non aver mai conosciuto una persona con il cuore così buono, così non contaminato. Nella mia generazione non ce ne sono tanti così». Rocio ha appena 27 anni, Raoul 17 di più. Ma la sintonia è così alta che c’è chi sussurra che, a breve, si celebreranno le nozze.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *