Raspberry Pi Zero, il pc programmabile da 5 dollari, andato a ruba in 24 ore

Raspberry Pi Zero, il computer programmabile da 5 dollari che intende spaccare il mercato del Tech

Raspbrry Pi Zero è il nuovo computer della Fondazione Raspberry Pi, la quale ha annunciato il suo innovativo modello di computer programmabile ad un costo minimo di 5 dollari.
Dal 2012, milioni di persone hanno utilizzato un Raspberry Pi per ottenere la loro prima esperienza di programmazione, ma abbiamo ancora incontrato persone per le quali il costo rimane una barriera. All’inizio di questo anno, abbiamo cominciato a lavorare su un ancora più Raspberry Pi conveniente per aiutare queste persone fare il grande passo “, ha scritto Eben Upton, fondatore di Raspberry Pi, in un post sul blog, confermando che col suo pc vuole conquistare proprio tutti. Con specifiche simili al Raspberry Pi B +, l’ultima iterazione della linea hobby, il nuovo pc permetterà agli utenti di effettuare i loro progetti di MicroComputing ancora più micro senza sacrificare le prestazioni.

Infatti il Rabsperry Pi Zero non è solo un prodotto informatico per hobbisti e gli hacker, per la facilità che offre nella programmazione, molti anche studenti di scuola lo hanno ampiamente utilizzato e hanno messo in pratica idee geniali, le migliori delle quali sono stati esposte alla mostra annuale Raspberry Pi Awards PA Consulting.
Il nuovo micro computer dal Pi Foundation Raspberry è stato messo in vendita venerdì scorso ed è andato dele il tutto esaurito nel giro di sole 24 ore, vendendo 20.000 unità nel primo giorno, secondo Tech Radar. Non deve stupire però il record d vendite dal momento che costando 5 dollari chiunque se l’è trovato davanti ne ha comprato uno. E d’altra parte come si faceva a resistere?
Perché il Rabsperry Pi Zero, sebbene non sia un pc d’avanguardia, dispone di una CPU con un processore applicativo da 1GHz Broadcom BCM2835, 512MB di RAM, uno slot microSD, una porta mini-HDMI e due prese micro-USB per il trasferimento dei dati. La versione barebone funziona sia con Linux che altri sistemi operativi, ed è stata inizialmente progettato dalla fondazione sede nel Regno Unito come un computer a basso costo da consegnare nelle mani di giovani studenti delle scuole di tutto il Regno Unito. Il dispositivo ha anche dimostrato di essere popolare tra gli appassionati di computer.

Continueremo a fare Zero per finché voi ragazzi lo vogliono“, ha scritto Liz Upton sul blog Raspberry Pi la scorsa settimana. “Sembra che la domanda continuerà a superare l’offerta per un po, ma stiamo facendo del nostro meglio per mantenere canali aperti.”

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*