Breaking News
Sbloccando questo contenuto accetterai i cookie e potrai usufruire senza limitazioni dei servizi del nostro sito  
deposito e montaggio di mobili a Roma

Renzi condannato dalla Corte dei Conti, ma nessuno ne parla più

Renzi condannato dalla Corte dei Conti, ma nessuno ne parla più

Sbloccando questo contenuto accetterai i cookie e potrai usufruire senza limitazioni dei servizi del nostro sito  
Sbloccando questo contenuto accetterai i cookie e potrai usufruire senza limitazioni dei servizi del nostro sito  

La notizia è di un anno fa, ma non se ne parla più da tempo. In molti, forse, non ne sono neppure a conoscenza. Eppure è una notizia per così dire rock. Chi si ricorda che nell’estate del 2011 il sindaco di Firenze, e prossimo candidato alle primarie del Pd, Matteo Renzi è stato condannato in primo grado dalla Corte dei Conti della regione Toscana?
Il procedimento si riferisce all’epoca in cui Renzi era presidente della Provincia di Firenze (legislatura 2004-2009) e riguarda il danno erariale per l’inquadramento contrattuale di alcuni assunti a tempo determinato. La procura contabile aveva contestato alla ex giunta provinciale – presidente e assessori – un danno di 2 milioni e 155 mila euro. Occorre ricordare però che in fase di giudizio la cifra venne sensibilmente ridotta e Matteo Renzi fu condannato per un danno erariale da 14.000 euro. Renzi all’epoca aveva bollato come “fantasiosa e originale” la ricostruzione della Corte dei Conti.

About Redazione CC

Un commento

Rispondi

Sbloccando questo contenuto accetterai i cookie e potrai usufruire senza limitazioni dei servizi del nostro sito  
if ( window.postMessage ) { if ( document.addEventListener ) { window.addEventListener( 'message', function( event ) { if ( "http:\/\/jetpack.wordpress.com" !== event.origin ) { return; } jQuery( frame ).height( event.data ); } ); } else if ( document.attachEvent ) { window.attachEvent( 'message', function( event ) { if ( "http:\/\/jetpack.wordpress.com" !== event.origin ) { return; } jQuery( frame ).height( event.data ); } ); } }