Renzi, da La Valletta critiche all’austerità della Merkel e i complimenti a Filippo Grandi

In un’intervista rilasciata al Die Welt, Matteo Renzi ha parlato dell’austerità ed espresso una sottile critica alla cancelliera tedesca Angela Merkel.
“l’errore è stato puntare sull’austerità e non sulla crescita. Ma io stimo molto Angela Merkel e fin quando le cose staranno così intendo rispettare le regole.”

Con la sua dichiarazione al quotidiano tedesco online, Matteo Renzi esprime il suo dissenso alla politica dell’austerità ma vuole al tempo stesso rimarcare la piena fiducia verso Angela Merkel.

“Fra noi c’è un ottimo rapporto, basato sull’onestà e parliamo anche quando le nostre opinioni sono diverse, come in tema economico.”
Matteo Renzi, che si trova a Malta per presenziare al vertice sulle immigrazioni, è tornato poi a parlare della situazione italiana, mantenendo sempre il suo ottimismo sulla crescita economica del paese.
“Due anni fa, quando l’Italia era impotente e bloccata, gli italiani, ma non io, sembravano essersi arresi. Sono entrato in gioco con l’intenzione di non finire come la Grecia ma soprattutto di fare meglio della Germania. Adesso l’Italia è nuovamente in gioco.
Avevamo un deficit del 2,2%. Quest’anno abbiamo deciso di applicare la nostra riforma del mercato del lavoro e per la prima volta, nel 2016, vedremo il debito calare.”

renzi
Renzi ha espresso la volontà a non aver rivolte domande su Silvio Berlusconi e sul precedente governo.
“Il governo Berlusconi fa parte del passato, a me tocca occuparmi del futuro.”

Il premier italiano ha anche avuto modo di toccare l’argomento profughi, un tema quanto mai scottante che vede l’Italia suo malgrado protagonista fra gli stati europei. A preoccupare maggiormente Matteo Renzi è l’approccio al problema che hanno i nuovi stati europei.
“Non mi piace che i paesi ad est vengano a farci la morale. In Europa Occidentale ci sono stati partiti e politici che hanno perso voti per venire incontro alle nazioni dell’est e difendere l’Europa. L’Europa Occidentale sta pagando un prezzo salato per difendere l’estensione ad est. L’Italia non sta chiedendo aiuto, riusciamo a farcela da soli ad affrontare il flusso di immigrati, ma l’Unione Europea deve assumersi il peso di questa sfida nel suo complesso.”

Il premier ha poi parlato della nomina di Filippo Grandi a capo dell’Unhcr, esprimendo tutta la sua soddisfazione.
“Questa nomina è il riconoscimento all’Italia e ad un uomo come Filippo Grandi per l’impegno profuso nella gestione profughi. Da Malta accogliamo con soddisfazione questa nomina.”

Renzi contatterà personalmente il segretario generale dell’ONU Ban Ki Moon.

loading...
loading...

1 Comment

  1. Quoto Renzi: “Il governo Berlusconi fa parte del passato, a me tocca occuparmi del futuro.”
    Se Berlusconi fa parte del passato, perche’ proprio con lui fece il Patto del Nazareno anziche’ discuterne DEMOCRATICAMENTE in Parlamento che e’ il luogo preposto_
    Quale futuro ci prospetta visto i continui “ERRORI” suoi e del Governo?
    Errori commessi in tutti i campi e da tutti i Ministeri?

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*