Renzi: Il digitale è l’arma per combattere il terrorismo e l’evasione fiscale

In tutto il mondo l’argomento che più tiene banco in questo periodo drammatico, è l’attuazione di un sistema valido per arginare il terrorismo.
Intervenuto all’Itaian Digital Day di Torino, anche il premier Matteo Renzi ha provato ad offrire la sua soluzione.
Secondo il leader del PD i terroristi dell’ISIS andrebbero combattuti in maniera “social”, condividendo tutti i dati registrati dalle telecamere di sorveglianza e segnalando tramite “tag” – letale strumento a disposizione dell’intera popolazione – eventuali sospettati di terrorismo.

“Io penso che sia corretto taggare i soggetti potenzialmente pericolosi.Tutti noi lasciamo delle tracce al nostro passaggio, e affermare che bisogna seguire queste persone non credo sia una violazione della privacy. Io penso sia necessario fare maggiore controlli, avere un sistema di digitalizzazione delle immagini che consenta di eseguire rapidi riconoscimenti facciali. Bisogna avere banche date in comune, aperte e disponibili a tutti. Ogni telecamera dovrà essere a disposizione delle forze dell’ordine, per poter riconoscere gli individui più pericolosi.”

Matteo Renzi ribadisce che la lotta al terrorismo passa dal progresso tecnologico e, perché no, anche dall’utilizzo dei social che non devono avere un fine puramente ludico ma possono tornare utili nell’affrontare tematiche serie e complesse come quella del terrorismo.
renzi


“Con il digitale l’Italia ha finalmente l’occasione di essere se stessa. Dobbiamo evitare che il digitale diventi un qualcosa fine a se stesso, ad uso esclusivo di secchioni o addetti ai lavori. Ciò che sta succedendo in questo momento a Bruxelles ci carica di un peso grandissimo, nella capitale belga c’è una sorta di coprifuoco. I terroristi vanno ad attaccare quello che siamo, i luoghi della nostra identità: un ristorante, lo stadio, una sala concerti; attaccano la nostra normalità.”

Renzi ha inoltre portato degli esempi che dimostrano come strumenti tecnologici non all’avanguardia avrebbero provocato morte e omicidi, e cita l’omicidio di tre persone avvenuto a Milano nella primavera 2015.
In quell’occasione Giardiello si intrufolò fra le mura del tribunale di Milano con una pistola, sfruttando un malfunzionamento del metal detector.
Allo stesso tempo, è stato poi un sistema ben progettato di telecamere posizionate dai carabinieri e dalla polizia a consentire l’arresto del criminale.
Ma questo non sarebbe potuto accadere senza l’intuizione degli uomini delle forze dell’ordine.
Il premier quindi sottolinea l’importanza della tecnologia ma al servizio di uomini dotati di intuito.

Il digitale, spiega Matteo Renzi, potrà venire in aiuto della giustizia anche per risolvere il problema dell’evasione fiscale.
“L’evasione fiscale arriverà a zero. Basterà eseguire un lavoro banale: incrociare i dati.”

Da Torino, Renzi risponde anche a Matteo Salvini e alla sua soluzione al problema terrorismo: chiudere le frontiere.
“Quali frontiere?”
Ribatte Matteo Renzi.

“Le frontiere del nostro paese o le frontiere delle periferie delle nostre città?”
La domanda, polemica, del premier sottolinea infatti dato allarmante che gli attentatori di Parigi provenivano da un quartiere alla periferia di Bruxelles.

One Reply to “Renzi: Il digitale è l’arma per combattere il terrorismo e l’evasione fiscale”

  1. La solita Renzata!
    Molti italiani sono ancora costretti a connettersi a 56 K, quindi di fatto, non hanno accesso a molti servizi, perché troppo lenti: es. homebanking….
    Proprio la Pubblica Amministrazione NON FA l’incrocio dei dati tra i vari archivi custoditi gelosamente.
    Quindi PRA, anagrafe, catasto, Agenzia Entrate, INPS etc.
    Risultati di queste inconcludenze, costose comunque per i soldi pubblici:
    si pagano pensioni di persone morte da anni, senza controllare che queste siano in vita,
    si scopre che una ditta, nullatenente, abbia 500 veicoli intestati, ma guidati da chi?
    Abbiamo oltre QUATTRO mln di veicoli circolanti ma privi di RCA obbligatoria, un controlla tra PRA e ANIA è sconsigliato oppure sono incapaci?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *