Home » Politica & Feudalesimo » “Renzi, la pensione di mio suocero?” e lui si mette a parlare di calcio

“Renzi, la pensione di mio suocero?” e lui si mette a parlare di calcio

Un tassista ha scambiato due parole con il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, e ha poi raccontato la sua esperienza al ‘Corriere della Sera’: argomento, manco a dirlo, quello delle pensioni e dei rimborsi dopo la bocciatura della ‘Fornero’. “L’ho visto, l’ho chiamato. Volevo farlo già da tempo. Gli ho chiesto della pensione di mio suocero – racconta – , che prende 1.100 euro al mese. Volevo sapere se avrà il rimborso. Renzi dice di no”.

Stefano Marcucilli racconta il suo colloquio con il Premier proprio sotto Palazzo Chigi e alla domanda del ‘Corsera’ “Renzi ti ha convinto?” replica senza indugi:

Sì. Sono convinto che a mio suocero gli hanno fatto fuori duemila euro. Quando ha visto che era in difficoltà, l’ha buttata sul calcio: ‘Sei della Roma? Sarai contento oggi?’. Anch’io ho scherzato: ‘E tu ci vai a Berlino a tifare la Juve?’. Renzi è furbissimo – conclude – altro che fiorentino, pare più napoletano. Mi ha fatto il gioco delle tre carte”.

Loading...

Altre Storie

Cane molecolare trova il cancro prima delle anilisi mediche

Diagnosticare un tumore solo annusando una persona. Il cane Liù è stato addestrato a scovare …

One comment

  1. Sig. Marcucilli, NON definisca Renzi “furbo”! Lui è stato messo a quella carica si PdC solo perché i finanziatori stranieri volevano certezze che l’Italia restituisse i prestiti alla scadenza. Infatti, il nome Renzi, circolava su un documento UBS già il 7/1/14 quando avevamo Letta.
    Renzi è stato classificato meglio di me, da Sciascia nel Giorno della civetta.
    Non cito Dante, perché diventerei quererabile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *