Renzi: “Ora basta tasse, c’è clima nuovo”

È un Matteo Renzi molto soddisfatto e ottimista quello che rilascia una lunga intervista al quotidiano ‘Il Messaggero’. Nonostante tutti i dati degli ultimi tempi boccino senza mezzi termini il suo primo anno di Governo, Renzi difende a spada tratta il suo operato. La disoccupazione nonostante il Jobs Act continua ad aumentare, così come le tasse, tanto è vero che con Renzi al governo nel 2014 la pressione fiscale ha sfondato il 50%. “Dopo tanti sacrifici, e gli italiani ne hanno fatti anche troppi, ci siamo davvero”, dice l’ex sindaco di Firenze.

Secondo Renzi, dunque, la crisi è superata e “l’Italia può ripartire”, poi ancora “l’Iva nel 2016 non aumenterà. Se ci saranno ulteriori risorse la priorità sarà per le famiglie e per rendere stabili gli incentivi alle imprese per assumere”. Dopo gli ultimi scandali che hanno coinvolto cooperative, fondazioni dei politici e appalti delle grandi opere, ci sarà una stretta sulle intercettazioni, che verranno molto probabilmente limitate. Secondo le ultime indiscrezioni non saranno più consentite le intercettazioni per società non quotate in borsa come fondazioni e cooperative: non ci saranno altre Mafia Capitale perché probabilmente non lo verremo più a sapere non essendo più utilizzabili le intercettazioni.

“Sulle intercettazioni il governo pronto a intervenire”, conferma Renzi, che dà la sua personale interpretazione su sondaggi, numeri e percentuali:

Non è la percentuale che conta, i numeri interessano agli addetti ai lavori: la verità è che c’è un clima nuovo in Italia. Tutto il mio programma sta qui: restituire speranza all’Italia.

Poi il solito attacco “all’armata dei gufi” che “personalmente” gli “fa tenerezza”: “Loro puntano sulla rabbia, noi sulla speranza. Tutto qui”. L’Italia di Renzi è un’Italia nuova, che respira un’aria nuova, di speranza, di ripresa, ma tutto molto meglio. La vostra che Italia è?

[jwplayer player=”1″ mediaid=”17416″]

2 Replies to “Renzi: “Ora basta tasse, c’è clima nuovo””

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *