Roma capitale di furti e borseggi: i dati Censis

1

Roma è una città sempre meno sicura: negli ultimi tre anni sono stati registrati il 75% in più di casi di furti e borseggi, mentre è aumentato del 43% anche lo spaccio di stupefacenti. Lo sanno bene i cittadini della capitale, che si sentono sempre più insicuri: solo l’8% dei romani pensa che i vigili siano efficienti, mentre la mappa della paura ha i suoi snodi tra piazza Vittorio e i dintorni delle stazioni Termini, Tiburtina e Ostiense. E non è tutto, perché in vista del Giubileo, il 43% dei cittadini romani teme attentati terroristici.

Sono i dati pubblicati dal 1° numero del diario “Roma verso il Giubileo” del Censis, che ha raccolto temi e problematiche sulla via dell’Anno Santo. In vista del Giubileo, il terrorismo internazionale è la minaccia che preoccupa di più i cittadini romani, seguita a ruota dalla crisi (39%), dalle catastrofi naturali, dalle guerre di religione, dalla perdita di competitività della città, dalle ondate migratorie provenienti dai Paesi poveri e dal ritorno di malattie endemiche.

Fonte: Ansa

SHARE