Salta il colloquio con Google per lutto: la lettera inaspettata

2

Non riesce a presentarsi al colloquio di lavoro con Google per la morte della sorella, ma Peter riceve una lettera commovente scritta a mano dal possibile nuovo datore di lavoro. Peter, tecnico informatico candidato ad ottenere un posto presso il data center di Google, doveva presentarsi al colloquio proprio nei giorni in cui è stato colpito da un grave lutto familiare: la morte della sorella lo ha letteralmente devastato e non ce l’ha proprio fatta.

Dopo aver scritto a Google spiegando il perché della sua assenza nel giorno e al luogo pattuiti per il colloquio, pensava che ormai fosse un capitolo chiuso, invece ha ricevuto una lettera inaspettata.

Caro Peter – recita il testo – , una e-mail non sarebbe stata sufficiente non appena abbiamo saputo del tuo lutto in famiglia. Spero che tu sappia che ti stiamo inviando i nostri più cari pensieri per questo difficile momento che stai passando. Spero che tu ti senta circondato da tanto amore.

Google ha confermato sostanzialmente l’interesse nella sua figura lavorativa, anche se il diretto interessato rimane indeciso:

Durante le trattative per il colloquio con Google è morta mia sorella – racconta Peter – Mi hanno inviato questa lettera per posta. Sono veramente molto commosso dal gesto. Ho bloccato l’offerta per il momento. Mi hanno dato del tempo per pensarci. Sono molto combattuto perché l’azienda per la quale attualmente lavoro mi ha proposto una promozione. Sarebbe la quarta in due anni. Ma la cosa sconfortante è che opera azzardando negli investimenti e mi fa lavorare 48 ore alla settimana.

Loading...
SHARE