Samsung paga 120 mln per violazione diritti Apple

Samsung ed Apple: la competizione passa dai negozi al tribunale

Risale a dire il vero già ad un anno fa la sentenza emessa dalla giuria degli Stati Uniti, che imponeva alla Samsung una multa di 120 milioni di dollari per la violazione di tre brevetti di proprietà della Apple.

La Apple, sulla base della violazione, aveva avanzato una proposta di ingiunzione contro la Samsung, ma la nuova sentenza della corte d’appello di San José (California) ha negato la richiesta della Apple. La compagniia statunitense chiedeva la rimozione dal mercato dei prodotti Samsung in questione.

Ora secondo il giudice la compagnia coreana può limitarsi a rimuovere le caratteristiche brevettate, senza doer ritirare necessariamente tutti i suoi prodotti.

Sulla base della nuova sentenza emessa un portavoce della Samsung ha detto che la compagnia chiederà che sia riveduta l’ultima decisione.

La Apple contrattacca dichiarando: “la Samsung ha volontariamente rubato le nostre idee e copiato i nostri prodotti”.

Secondo un esperto chiamato in causa, Michael Risch, professore di diritto presso Villanova University School of Law, l’impatto dell’ultima decisione della corte d’appello sul bilancio della Samsung potrebbe essere davvero limitato, perché l’azienda si sta preparando per una possibile ingiunzione, ridisegnando le caratteristiche o abbandonandole già.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *