Sassari Shock, accusato di tentato omicidio il 19enne che ha massacrato la fidanzata

Prima ha aggredito la fidanzata per strada, poi, fermato dai carabinieri, si è ripresentato durante la notte a casa di lei per picchiarla selvaggiamente a colpi di spranga. Protagionista dell’episodio, avvenuto a Sassari, è un giovane di diciannove anni, Simone Niort. Il ragazzo ieri aveva avuto un’accesa discussione con la fidanzata per strada, una donna di trentadue anni, e le aveva sferrato un pugno in pieno volto. La scena era stata notata da un passante, che aveva cercato di intervenire in difesa della ragazza. A quel punto, però, Niort gli aveva puntato contro un coltello. Sul posto sono intervenuti i carabinieri, che hanno fermato il diciannovenne – che però è stato rilasciato subito dopo l’identificazione.

Durante la notte, però, il diciannovenne si è ripresentato a casa della fidanzata, e l’ha malmenata a colpi di spranga, procurandole ferite ed ematomi. La donna si trova adesso ricoverata nel reparto di Medicina d’urgenza dell’ospedale Santissima Annunziata di Sassari. Le sue condizioni restano gravi. Sono stati i genitori della trentaduenne a chiamare il 112 e chiedere l’intervento dei carabinieri.

Niort, invece, è stato arrestato ed è rinchiuso in una cella del carcere di Bancali (Sassari). L’accusa formulta per lui dal sostituto procuratore Paolo Piras, titolare dell’indagine nei confronti del giovane, è quella di tentato omicidio.

È accusato di tentato omicidio il 19enne di Sassari arrestato sabato scorso dai carabinieri per aver picchiato la compagna con un bastone e una spranga di ferro. La vittima è ancora ricoverata in prognosi riservata nel reparto di medicina d’urgenza dell’ospedale di Sassari: ha riportato fratture e contusioni in tutto il corpo dopo essere stata colpita selvaggiamente la sera verso l’ora di cena dal fidanzato, Simone Niort, inizialmente arrestato lesioni gravissime.

L’aggressione in casa: il 19enne arrestato. La 32enne è in prognosi riservata

Oggi il pm di Sassari titolare dell’indagine, Paolo Piras, ha deciso di procedere per tentato omicidio. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, sono stati i genitori della donna a chiamare il 112, dopo che Niort si era rifiutato di farli entrare in casa. Il giovane è stato poi obbligato dai militari ad aprire: la fidanzata era distesa sul letto, dolorante e col volto tumefatto per le botte ricevute. Il 19enne è stato subito ammanettato e trasferito nel carcere di Bancali. Già nel primo pomeriggio di sabato, prima del pestaggio, Niort aveva litigato con la fidanzata: al 112 era arrivata una chiamata che segnalava una lite fra una coppia in via Nurra, a Sassari. Quando la pattuglia è arrivata sul posto, la donna era già andata via.

I militari hanno trovato soltato il ragazzo, in forte stato di agitazione, a torso nudo e in costume da bagno. Alcuni testimoni hanno anche raccontato che poco prima Niort aveva minacciato con un coltello un passante che aveva cercato di riportare la calma fra i due giovani. Poichè era trascorsa la flagranza di reato – spiegano i carabinieri – il giovane è stato solo denunciato: non c’erano le condizioni per l’arresto. Il coltello è stato poi trovato per terra vicino a un cassonetto dell’immondizia e sequestrato.
Ma per quel sabato le violenze non erano finite: attorno all’ora di cena, la rabbia di Niort si è scaricata sulla compagna, probabilmente dopo l’ennesima lite.

loading...
loading...

Lascia una tua opinione

Rispondi o Commenta

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*